Le società di criptovalute sono state solitamente vittime di repressioni aziendali nel corso degli anni. Lo stesso è ora il caso di uno dei più grandi servizi di email marketing al mondo: MailChimp.

All’inizio di questa settimana, alcune importanti società di criptovalute e fornitori di servizi si sono rivolti a Twitter per esprimere le loro lamentele nei confronti Mailchimp. 

mailchimp account criptovalute
Adobe Stock

A scatenare la violenta bufera web sarebbe la chiusura dei loro conti senza alcun preavviso.

Mailchimp si scaglia contro Bitcoin e criptovalute

Diversi proprietari di piattaforme legate al mondo di Bitcoin e delle criptovalute si sono rivolti a Twitter per richiamare il servizio di email marketing Mailchimp per quella che sembra essere una chiusura mirata degli account. Le lamentele provenivano da persone le cui attività offrono una sorta di servizio di crittografia o newsletter e, secondo loro, Mailchimp aveva chiuso i propri account senza alcun preavviso.

Tra gli account chiusi spicca la piattaforma di aggregazione dati Messari perché il suo fondatore ha sfogato la sua rabbia al servizio su Twitter. Secondo Ryan Selkis, Mailchimp ha chiuso i propri account in quella che sembrava essere una deliberata deplatform dei servizi di criptovaluta sul mercato. Le denunce riguardavano principalmente il periodo di non preavviso piuttosto che la chiusura stessa.

Anche Decrypt, una piattaforma che forniva notizie sulle criptovalute, è stata colpita dalle chiusure. In modo simile a Messari, il creatore della piattaforma ha rivelato su Twitter che Mailchimp aveva disattivato anche i propri account. Decrypt ha utilizzato il servizio di email marketing per più di quattro anni, secondo Roberts, e il loro account è stato chiuso bruscamente.

Roberts ha twittato: “Oggi Mailchimp, che utilizziamo da più di quattro anni, ha disattivato il nostro account di newsletter senza preavviso o spiegazione”. “Ora che ho cercato su Twitter, vedo che questa settimana molti creatori di contenuti crittografici l’hanno sperimentato. È capitato anche a te qualcosa di simile? Per favore, raccontacelo”

La storia è un ciclo che si ripete

Questa non è tuttavia la prima volta che Mailchimp crea scompiglio tra le piattaforme nel settore cripto. Quattro anni fa, la società ha iniziato a vietare le società che trattavano Bitcoin e criptovalute dalla sua piattaforma dopo un annuncio che avrebbe visto le piattaforme del settore con un “superiore alla media” numero di denunce di abuso.

Gli utenti hanno poi comunque potuto utilizzare ancora una volta la piattaforma per inviare messaggi di marketing relativi alle criptovalute, dando il via ad una breve apparenza di calma. Quando diversi creatori hanno appreso di essere stati banditi, le cose sono cambiate rapidamente.

Jesse Friesland, il creatore della collezione NFT Cryptoon Goons, è tra coloro che hanno sofferto anche a causa della repressione. Uno dei primi a segnalare i divieti è stato l’artista NFT Ocarina, che ha dichiarato il 1 agosto su Twitter che Mailchimp li aveva banditi perché avevano violato la loro “Politica di utilizzo accettabile”.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Ci sono state speculazioni sul motivo dietro i divieti diffusi. Non ha aiutato il fatto che Ben Chestnut, CEO e co-fondatore di Mailchimp, si sia dimesso dal suo ruolo dopo 21 anni. Al momento della scrittura, Mailchimp non ha risposto ai reclami delle parti interessate.