Secondo un rapporto Bloomberg, Coinbase ha chiesto alla Corte Suprema degli Stati Uniti di fermare due cause avviate dai titolari di conti dopo che l’azienda ha presentato ricorso.

Coinbase, il più grande exchange di criptovalute d’America, sta affrontando due cause separate, con un cliente che cerca di essere risarcito per 31.000 dollari di perdite dopo aver concesso a un truffatore l’accesso remoto al suo account.

Abraham Bielski della California afferma di aver perso i soldi nel caso Bielski v. Coinbase, 22A91 dopo essere stato “preso di mira da un truffatore che affermava di essere un rappresentante di PayPal”. Bielski afferma che dopo che il truffatore ha prosciugato il suo account, ha contattato il banco di supporto dello scambio ma “ha incontrato un incubo del servizio clienti”.

Coinbase cause corte suprema
Adobe Stock

Secondo il documento, “cerca di rappresentare una classe di persone con una posizione simile con pretese contro Coinbase per violazioni dell’Electronic Funds Transfer Act e del regolamento E ivi contenuto”.

La SEC apre le indagini su Coinbase per presunta quotazione di titoli

Secondo un articolo di Bloomberg, il popolare exchange di criptovalute Coinbase è attualmente sotto inchiesta da parte della SEC per sapere se consentisse agli americani di scambiare risorse digitali che avrebbero dovuto essere registrate come security.

Nell’altro caso, un residente di New York di nome David Suski ha intentato un’azione legale collettiva contro Coinbase. L’accusa a carico della compagnia è quella di aver condotto una “campagna pubblicitaria digitale ingannevole” in relazione a un evento di lotterie Dogecoin nel giugno 2021.

Suski afferma che Coinbase non è riuscito a “proteggere adeguatamente gli interessi degli utenti della piattaforma”. Questi infatti credevano erroneamente di dover scambiare 100 dollari di DOGE per partecipare al concorso a premi, quando presumibilmente c’era un’opzione di ingresso gratuito.

Entrambi i casi sono stati archiviati dopo che Coinbase aveva già presentato ricorso al 9th ​​Circuit Court. La società con sede a San Francisco sta attualmente chiedendo alla Corte Suprema di intervenire con urgenza.

Secondo l’exchange di criptovalute, il suo contratto di utilizzo richiede ai clienti di procedere con l’arbitrato.

Battaglie legali che coinvolgono Coinbase

La controversia non è una novità per Coinbase. Coinbase è accusato di aver infranto le leggi americane sui titoli elencando diverse criptovalute che avrebbero dovuto essere registrate come security. Oltre ai suoi ricorsi alla Corte Suprema.

Secondo i rapporti, la Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti ha iniziato a esaminare la situazione il mese scorso. Ma Coinbase ha confutato tutte le accuse di illeciti.

L’ex product manager di Coinbase accetta di dichiararsi non colpevole di insider trading

Un ex product manager di Coinbase ha presentato una dichiarazione di non colpevolezza contro l’insider trading. In un’udienza di mercoledì, Ishan Wahi, 32 anni, si è dichiarato non colpevole delle accuse di frode telematica che avrebbero avuto luogo mentre stava lavorando.

Ishan Wahi è accusato di aver infranto le politiche di insider trading della società facendo trapelare informazioni sulle imminenti quotazioni di token a suo fratello e a un amico. La SEC ha presentato accuse di insider trading contro di lui in un caso separato.

L’ex dipendente di Coinbase si è visto accusare dal Dipartimento di Giustizia di frode telematica e cospirazione. Mercoledì, ha presentato una dichiarazione di non colpevolezza.