La divisione dell’exchange di criptovalute Binance regolamentato dagli Stati Uniti, sta rimuovendo uno dei token che la Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti ha riconosciuto come titolo in un recente caso di insider trading.

L’exchange ha dichiarato lunedì in un post sul blog che “riteniamo che, in alcune circostanze, la rimozione di una risorsa dalla quotazione protegga al meglio la nostra comunità da rischi inutili”.

L’autorità di regolamentazione statunitense ha dichiarato il mese scorso che Ishan Wahi, ex product manager di Coinbase, suo fratello e un amico avevano fatto trading prima di molteplici annunci di quotazione delle criptovalute. Secondo la SEC, sono accusati di aver acquistato almeno 25 criptovalute, di cui almeno nove erano titoli, sulla base di informazioni segrete.

binance sec amp

Solo Amp, secondo Binance, è elencato sulla sua piattaforma tra questi nove token. Gli altri otto token in menzionati nella denuncia sono RLY, DDX, XYO, RGT, LCX, POWR, DFX e KROM.

Binance rimuove il token AMP

Secondo Blockworks Research, la capitalizzazione di mercato del token Amp, che ha un caso d’uso nel consentire i pagamenti ai commercianti e ha una capitalizzazione di mercato di 638 milioni di dollari, è diminuita di quasi il 10% nelle ultime 24 ore. Il delisting di Binance inizierà il 15 agosto.

L’exchange ha affermato di essere in attesa di ulteriori chiarimenti sulla classificazione del token, ma non esclude che il trading di Amp potrebbe essere ripristinato ad un certo punto sulla sua piattaforma.

Al di là del bitcoin, c’è ancora incertezza sulla posizione ufficiale della SEC sulla legalità delle criptovalute.

Bitcoin è l’unico asset di criptovaluta che il presidente Gary Gensler ritiene debba essere regolamentato come merce. Ha dichiarato alla CNBC nell’agosto 2021 che molti altri sono considerati titoli nell’ambito del test Howey dall’autorità di regolamentazione.

“Questo si inserisce in qualcosa che è una sicurezza”, ha detto. “Se qualcuno sta raccogliendo fondi vendendo un token e l’acquirente anticipa i profitti in base agli sforzi di quel gruppo per sponsorizzare il venditore”.

Considerando che le criptovalute come il bitcoin sono “sostitutivi delle valute sovrane”, il suo predecessore Jay Clayton ha dichiarato nel 2018 che non sono titoli.

Binance decide di stare safe dopo la denuncia della SEC

Coinbase ha chiesto alla SEC di creare regolamenti per il mercato delle risorse digitali. Affermando in un comuciato che “le attuali normative sui titoli semplicemente non si applicano alle risorse digitali”. La SEC ha tentato di spiegare le sue regole di classificazione per i contratti di investimento in asset digitali in un lungo documento pubblicato nel 2019, ma i partecipanti al settore, e non solo, affermano che le regole non sono ancora chiare.

Secondo Anton Chashchin, managing partner di Bitfrost.io, la spinta di Gensler affinché la maggior parte delle risorse crittografiche vengano riconosciute come titoli colpisce al centro di un dibattito significativo su come definire le risorse digitali.

Ha spiegato che alcune persone li vedevano come titoli e altri come una forma di valuta. “Gli organismi di regolamentazione e l’industria delle criptovalute ne hanno discusso su scala globale, e per una buona ragione. Il modo in cui un asset viene definito e gestito ha un impatto significativo su come viene regolamentato.

In seguito all’accusa di aver infranto le leggi sui titoli, Binance ha preso la misura precauzionale di rimuovere dalla quotazione Amp. Secondo Bloomberg, la SEC stava esaminando l’exchange per la vendita del token BNB, la quinta criptovaluta più grande al mondo per capitalizzazione di mercato.

Separatamente, un’indagine Reuters ha scoperto a giugno che Binance ha agito da intermediario per il riciclaggio di 2,35 miliardi di dollari nel corso di cinque anni. Fondi illeciti proveniente da hack, frodi sugli investimenti e vendita illecita di droga.