I politici negli Stati Uniti sembrano sempre di più dare il proprio supporto alle criptovalute come Bitcoin (BTC). Il terzo partito politico più grande del paese ha di recente espresso sostegno pubblico per il principale asset digitale e ottimismo sulla sua forza e futuro.

In un tweet del 24 luglio, il Partito Libertario degli Stati Uniti ha affermato che Bitcoin era in prima linea in “una rivoluzione monetaria decentralizzata“. Strumento che aveva il potenziale per sconvolgere i sistemi finanziari consolidati.

La visione del partito libertario americano circa Bitcoin e le criptovalute ha una lunga storia. Nel 2020, il candidato indipendente Brock Pierce, ha infatti raccolto molto sostegno da parte dell’elettorato del partito libertario. In parte anche più del primo candidato promosso dal partito. 

politici-usa-sotegno-bitcoin partito libertarian
Adobe Stock

Pierce è un volto iconico nel mondo di Bitcoin e le criptovalute. Parliamo di uno dei pochi personaggi di altissimo livello che non si è mai risparmiato nel promuovere un approccio sano e rispettoso dei presupposti che hanno dato vita al movimento culturale da cui è nato e si è sviluppato Bitcoin. Creazione basata sui presupposti di libertà personali e civili, che in larga parte raccolgono sostegno e promozione con impegno anche dal Libertaria Party statunitense.

Fiducia libertaria nella criptovaluta

È importante ricordare che il Partito Libertario in precedenza ha sostenuto le criptovalute, definendo Bitcoin il “più grande strumento di libertà umana che l’umanità abbia mai creato” in un post sul blog pubblicato dalla sua filiale californiana nel febbraio 2020.

Nel 2010, quando Bitcoin era ancora agli inizi, l’autore del post, Marvin Byrd, che ha lavorato nella sicurezza informatica, ha scritto che quanto segue ha fornito a Bitcoin il suo profondo valore sottostante:

“Bitcoin non ha un proprietario, un’autorità centrale o la necessità di una terza parte affidabile. In poche parole, NON ESISTONO.

Secondo lui, questo rende Bitcoin “il sistema più affidabile che sia mai stato creato”. Questo perché nessun governo può spegnerlo, non c’è alcun proprietario da manipolare o rubare dal sistema e non c’è entità di cui fidarsi per utilizzare il risorsa digitale.

Il tweet del 24 luglio del Libertaria Party su Bitcoin

Il Tweet del 24 luglio del partito Libertarian statunitense recita:

“#Bitcoin è in prima linea per una rivoluzione monetaria decentralizzata che può spazzare via la Federal Reserve e il sistema valutario fiat in generale”

Attraverso BitPay, che consente agli utenti di effettuare pagamenti in Bitcoin e altre criptovalute significative, la parte accetta anche donazioni effettuate in criptovalute.

A proposito di contributi, a luglio la Commissione statale per le pratiche politiche eque ha approvato una nuova legge che consente ai candidati agli uffici statali e locali di accettare donazioni di criptovaluta per le loro campagne.

Anche i repubblicani sostengono le risorse digitali.

È interessante notare che anche i repubblicani sono stati schietti sostenitori delle criptovalute. Uno di questi repubblicani è la senatrice Cynthia Lummis del Wyoming. La donna ha introdotto una legislazione per incorporare le risorse digitali nel sistema finanziario americano e ha definito Bitcoin il “denaro più resistente mai creato“.

I repubblicani alla Camera dei rappresentanti hanno presentato a maggio un nuovo disegno di legge. La propota vieta al Dipartimento del lavoro di limitare i tipi di investimenti che i dipendenti possono fare nei conti pensionistici autodiretti. Inoltre, se lo desiderano, gli americani possono utilizzare Bitcoin nei loro piani 401(k) ai sensi della legge.

I legislatori repubblicani hanno anche utilizzato il congelamento da parte del Primo Ministro canadese dei conti bancari e delle attività di criptovaluta del Freedom Convoy 2022 per reprimere la protesta dei camionisti contro le restrizioni di Covid-19. Hanno affermato che poiché le risorse digitali non sono sotto il controllo di alcun ente governativo, fungono da strumento per le libertà civili.