Il team dietro Minecraft, uno dei giochi più popolari di tutti i tempi, ha dichiarato pubblicamente che non ha intenzione di supportare in alcun modo gli NFT. 

In molti hanno pubblicizzato il gioco come un potenziale caso d’uso per gli NFT, quindi la posizione del videogame a quadrettoni di proprietà di Microsoft sulla tecnologia blockchain.e strumenti annessi, potrebbe avere gravi conseguenze per gli sviluppatori.

“Gli NFT non includono tutta la nostra community e creano uno scenario di ricchi e poveri”, ha scritto lo sviluppatore di Minecraft Mojang sul suo sito Web. “Il prezzo speculativo e la mentalità di investimento attorno agli NFT distoglie l’attenzione dal gioco e incoraggia il profitto. Fattore che riteniamo non sia coerente con la gioia e il successo a lungo termine dei nostri giocatori”.

NFT Minecraft
Minecraft

Come ha accennato Mojang nella sua nota, alcune aziende hanno già tentato di creare attività che vendono NFT di Minecraft. I mondi NFT basati su Polygon ne sono l’esempio più evidente. Vendendo NFT di terra virtuale che possono essere utilizzati nei server Minecraft personalizzati.

La reazione del mercato alla notizia

NFT Worlds spiega sul suo sito Web: “Attualmente utilizzando Minecraft e il suo vasto ecosistema open source, NFT Worlds si basa sulla spina dorsale di decenni di sviluppo open source all’interno della comunità di Minecraft”. Il progetto ha anche creato giochi play-to-earn, che pagano la propria criptovaluta $WRLD ogni 30 minuti di gioco.

Nelle ultime 24 ore, il prezzo minimo di NFT Worlds è sceso di circa il 66%.

Uno sviluppatore di NFT Worlds ha dichiarato in un annuncio Discord, poi riportato anche su Twitter. L’autore del post sosteneva infatti che “questo annuncio di Microsoft/Minecraft di vietare completamente tutti i possibili usi di NFT e tecnologia blockchain all’interno di Minecraft sembra un passo indietro nell’innovazione. Oltre che potrebbe essere doloroso anche per eventuali effetti a valle per loro nel lungo periodo”.

Secondo lo sviluppatore di NFT Worlds, il primo passo sarà entrare in contatto con Minecraft per saperne di più sul loro processo decisionale e su come queste regole verranno applicate alla loro attuale piattaforma. Esamineranno opzioni alternative se Minecraft non si muove. NFT Worlds potrebbe funzionare su un motore di gioco simile a Minecraft, come è stato brevemente affermato nell’annuncio di Discord. La seconda scelta sarebbe quella di passare a un framework “piattaforma come servizio” in modo che altri sviluppatori possano migliorare la loro tecnologia attuale.

I piani per il futuro

NFT Worlds tiene a specificare che in seguito all’annuncio delle notizie di Minecraft, “molti altri progetti metaverse/gamefi ci hanno immediatamente contattato desiderando utilizzare questa tecnologia. D’altro canto le potenzialità erano già note e mostrate in diverse occasioni, dando il via con forza alla possibile adozione di tale piattaforma”.

In un mercato delle criptovalute sempre più volatile e imprevedibile, alcune società di giochi non native della cripto hanno fatto dei passi indietro dai loro investimenti in web3. Ubisoft ha lanciato l’anno scorso un gioco basato su blockchain chiamato Quartz, che finora ha funzionato piuttosto male. Inoltre, il catastrofico hack di Axie Infinity da 625 milioni di dollari rimane in primo piano.

La natura speculativa e incline all’hacking di alcuni progetti basati su blockchain sembra rendere Minecraft ribassista nello spazio. Eppure, nonostante la posizione dell’azienda, qualche linguaggio nella sua lettera sembra un po’ vacillante, non chiudendo per sempre la porta alla tecnologia blockchain.

“Presteremo anche molta attenzione a come la tecnologia blockchain si evolve nel tempo […] per determinare se consentirà esperienze più sicure o altre applicazioni pratiche e inclusive nei giochi”, ha scritto Mojang. “Tuttavia, al momento non abbiamo in programma di implementare la tecnologia blockchain in Minecraft”.