Ilya Borisov, uno sviluppatore e artista lettone, rischia fino a 12 anni di carcere dopo che le autorità hanno affermato che i suoi 8,7 milioni di euro di guadagni derivati dai token non fungibili (NFT) erano proventi di un enorme schema di riciclaggio di denaro sporco.

Sul suo sito web Art is Crime, Borisov ha descritto come il governo abbia congelato i suoi conti bancari senza informarlo della situazione. 

Lo sviluppatore che ha ricevuto il denaro da 3.557 rilasci di NFT, ha notato nella sequenza temporale del caso che, sebbene il procedimento fosse iniziato quest’anno a febbraio, non ne è stato informato fino al 9 maggio.

riciclaggio denaro nft
Adobe Stock

“Questa sentenza afferma che dovrei ricevere una copia degli atti è stata emessa il 10 febbraio. Li ho però ottenuti solo tre mesi dopo”, ha osservato Borisov.

Mancanze nella regolamentazione di criptovalute ed NFT

Lo sviluppatore ha affermato di aver contattato il Latvian State Revenue Service (VID) su come dichiarare in modo legale e compliant il suo reddito dalla vendita di NFT e investimenti nel settore delle criptoveluòte. Questo perché non ci sono chiare normative fiscali a regolare il settore. Di conseguenza, nel corso del 2021, ha dovuto pagare 2,2 milioni di euro di imposte sul reddito.

Ilya Borisov è uno dei tanti artisti digitali che hanno avuto un grande successo durante il boom degli NFT del 2021. È anche divenuto molto noto come uno degli artisti di maggior successo sul mercato. Il tutto dopo soli pochi mesi di attività. Il che è notevole.

Grazie all’assistenza del suo avvocato, Borisov ha potuto contestare il congelamento del suo conto bancario e il 30 giugno il tribunale ha emesso ordini che gli hanno permesso di accedere al denaro.

L’account, tuttavia, non è mai stato sbloccato e in seguito si è scoperto che l’investigatore principale del caso se n’era andato. È interessante notare che i pubblici ministeri di nuova nomina hanno anche ottenuto ordini urgenti di sequestro della sua proprietà.

A partire dal 19 luglio, Borisov ha affermato di aver fornito alla polizia un resoconto completo delle sue attività e dei suoi guadagni, come prova della provenienza legittima del denaro.

Il ricorso di Ilya Borisov

Borisov, un ex lavoratore del sito di notizie Meduza, ha sottolineato che nessun pubblico ministero ha tentato di mettersi in contatto con lui in merito al caso. Da allora, lo sviluppatore ha impugnato la sentenza, ma si aspetta ulteriori ritardi a causa del sistema assolutamente inadatto a gestire procedimenti di questo tipo.

“Abbiamo presentato un ricorso al tribunale contro la decisione del 3 luglio 2022 di sequestrare tutti i miei conti. Tutti i documenti disponibili del caso, insieme ai file che elencavano tutti i miei affari e le mie attività artistiche, erano allegati alla protesta” ha affermato Borisov in merito alla vicenda.

Borisov ha anche tentato di far sostituire l’investigatore nel caso, viste le anomali riscontrate. Ma il tribunale ha respinto la sua richiesta.

Borisov ha affermato che il caso lo ha colpito emotivamente, il che è stato reso più difficile dall’invasione russa dell’Ucraina. Oltre alla minaccia di perdere definitivamente i suoi soldi e andare in prigione. La morte di suo padre prima che fosse raggiunta una soluzione ha avuto un impatto anche sul suo rapporto con gli altri membri della famiglia.

Secondo Borisov la tecnologia blockchain aveva creato opportunità enormi per gli artisti di guadagnarsi da vivere, ma sta ancora affrontando duri ostacoli da parte delle autorità di regolamentazione. Ha in ogni caso promesso di continuare a combattere. Per il suo caso e per chiunque altro in futuro dovesse finire vittima di un trattamento del genere.