È di queste ore la notizia della possibilità che due legislatori della Camera raggiungano presto un accordo sulla regolamentazione delle stablecoin negli Stati Uniti. 

Le autorità di regolamentazione potrebbero presto disporre di un framework per gestire i problemi di stablecoin se verrà raggiunto un accordo nei prossimi giorni. L’accordo potrebbe passare alla Camera nei prossimi mesi se tutto andrà secondo i piani nelle prossime settimane.

regolamentazione stablecoin usa
Adobe Stock

Come è noto, la legislazione statunitense nei campi che riguardano la finanza e i mercati legati al tech, ove possiamo tranquillamente far rientrare blockchain e criptovalute, fungono spesso da faro e da riferimento per tutte le normative che vengono poi via via sviluppate nel resto nel mondo.

La discussione circa la regolamentazione delle stablecoin è tra le altre cose uno dei punti cardine di tutto il discorso finanziario crittografico. È vero che mancano ancora settimane o mesi prima che si delinei una direzione, ma seguire gli sviluppi della faccenda è quasi d’obbligo, se siamo interessi o esposizioni in asset legati a Bitcoin e criptovalute. Vediamo a che punto siamo con le discussioni e quali possibili scenari possiamo aspettarci nei prossimi mesi.

Regolamentazione statunitense rigorosa sulle stablecoin

Secondo un rapporto del Wall Street Journal, è probabile che due importanti legislatori della Camera siano d’accordo sulla necessità di una regolamentazione più rigorosa delle stablecoin. Il repubblicano Patrick McHenry e il democratico Maxine Waters dovrebbero raggiungere un accordo molto presto. Il rapporto afferma che la Commissione per i servizi finanziari della Camera potrebbe votare l’accordo la prossima settimana. Nel caso in cui si trovi un accordo nei prossimi giorni.

Se un accordo verrà raggiunto nei prossimi giorni, il panel della signora Waters potrebbe passare al voto positivo non già la prossima settimana e la Camera potrebbe approvarlo nei mesi a seguire.

Più significativamente, Janet Yellen, la segretaria del Tesoro, ha precedentemente sostenuto la regolamentazione delle criptovalute. Yellen ha proposto il mese scorso che il Congresso regoli i tipi di criptovalute che possono essere utilizzati nei piani pensionistici.

Il percorso è ancora molto incerto

Gli sforzi dei legislatori per far passare l’accordo al Senato, nel frattempo, non stanno andando poi così bene. Al momento, non è chiaro come risponderanno alle richieste di regolamentazione delle stablecoin da parte degli organismi di regolamentazione esistenti. Ad esempio, il senatore democratico Sherrod Brown si è espresso a favore dell’utilizzo delle leggi attuali per affrontare eventuali rischi associati alle stablecoin. Il senatore Brown è ad oggi a capo del comitato bancario statunitense.

Secondo il rapporto, il senatore Brown non ha partecipato alle discussioni sul nuovo accordo tra Waters e McHenry. Nel frattempo, è probabile che la regolamentazione degli emittenti di stablecoin da parte della Fed sia guidata dal nuovo disegno di legge. Il rapporto continua poi: “Le limitazioni proposte dal disegno di legge includono il divieto alle società non finanziarie di emettere i prodotti”.

Il mese scorso il dipartimento dei servizi finanziari (DFS) dello stato di New York ha pubblicato nuove linee guida normative per la regolamentazione delle stablecoin. La guida stabilisce gli standard fondamentali per le stablecoin sostenute da dollari statunitensi che rientrano nella sua giurisdizione, aveva affermato all’epoca.