Il co-fondatore di Three Arrows Capital si scaglia contro i liquidatori dell’azienda. Intanto nuova puntata della telenovela Twitter.

Uno dei co-fondatori di Three Arrows Capital si è scagliato contro i liquidatori che gestiscono le procedure fallimentari.

3ac three arrows capital

I liquidatori sono accusati di “aver adescato” i co-fondatori di Three Arrows Capital sostenendo la loro non collaborazione con le procedure fallimentari. Vediamo quali sono state le risposte.

Three Arrows Capital: i fondatori rispondono alle accuse

Documenti del tribunale rilasciati di recente avevano affermato che non si conosceva dove si trovassero Kyle Davies e Zhu Su. I dirigenti dovevano ancora collaborare con il processo di liquidazione.

Ma quasi un mese dopo il suo ultimo tweet, Zhu Su ha risposto condividendo un’e-mail che il suo avvocato ha inoltrato ai liquidatori.

Il messaggio li accusa di “adescare” i co-fondatori di 3AC sostenendo che c’è una mancanza di cooperazione, e sostiene che tutto questo sia lontano dalla verità.

Christopher Anand Daniel afferma che entrambi i dirigenti hanno ricevuto minacce di violenza fisica. La necessità di rispondere alle domande dell’Autorità monetaria di Singapore “significava che hanno lavorato sotto pressione molto tempo“.

L’avvocato afferma inoltre che questi fattori sono stati spiegati in dettaglio ai liquidatori. Poi ha chiesto se le circostanze attuali siano state completamente spiegate all’interno dei documenti del tribunale.

Per favore, facci immediatamente avere copie dei documenti del tribunale. Dato che i tuoi documenti sembrano essere già stati consegnati ai media, confidiamo che non avrai problemi a fornirci questi documenti“.

Nei documenti del tribunale depositati negli Stati Uniti, i liquidatori hanno anche avvertito che esiste un rischio maggiore che le attività rimanenti di 3AC possano essere “state spese“, aggiungendo:

Una parte sostanziale delle attività del debitore è costituita da contanti e risorse digitali, come criptovalute e token non fungibili, che sono prontamente trasferibili“.

L’avvocato che rappresenta Zhu Su ha affrontato questo problema allegando un foglio di calcolo che scompone le attività correnti di 3AC. Ha successivamente sottolineato che il lavoro per recuperare i dettagli di altre risorse è ad oggi in corso.

La scomparsa di Three Arrows Capital è avvenuta dopo che la società non è riuscita a soddisfare le richieste di margine. Si vocifera che l’hedge fund un tempo importante debba $650 milioni di dollari a Voyager Digital.

La società ha anche avviato una procedura fallimentare. Inoltre ha avvertito i clienti che potrebbero non ricevere i loro depositi di criptovaluta per intero a meno di recuperare i fondi di 3AC.

Alcuni su Twitter avevano poca simpatia per Zhu Su, accusandolo di “fare la parte della vittima in tribunale“.

Intanto nuova puntata della serie Elon Musk vs Twitter 

Twitter ha citato in giudizio Elon Musk nel tentativo di costringerlo ad acquistare il social network.

Il social network ha accusato l’uomo più ricco del mondo di rifiutarsi di onorare il suo obbligo perché l’accordo da 44 miliardi di dollarinon serve più i suoi interessi personali“.

La causa, depositata presso la Corte di Cancelleria del Delaware, è ad oggi in corso. Un segmento recita:

Musk crede che lui, a differenza di ogni altra parte soggetta al diritto contrattuale del Delaware, sia libero di cambiare idea, interrompere le sue operazioni, distruggere il valore per gli azionisti e andarsene“.

Twitter afferma inoltre che il vero motivo per cui Musk vuole uscire dall’accordo non è a causa di account di spam o utenti falsi. Tutto dipende dalla correzione del mercato azionario.

Invece di sostenere il costo della flessione del mercato, come richiesto dall’accordo di fusione, Musk vuole trasferirlo agli azionisti di Twitter. Questo è in linea con le tattiche che Musk ha adottato contro Twitter e i suoi azionisti dall’inizio di quest’anno“.

Cosa succederà?

Gli avvocati hanno continuato ad accusare Musk anche di “ipocrisia“. Hanno sottolineato come una volta volesse liberare il social network dallo spam crittografico e “sconfiggere i bot“. Ora chiedono conferma: erano davvero gli utenti falsi il problema?

Il social network ha contestato l’affermazione. Ha invece sostenuto che è lui che “ha agito contro questo accordo da quando il mercato ha iniziato ad invertire il suo trend“.

Twitter ha presentato alcuni dei tweet di Musk come prove a sostegno delle proprie tesi, criticandolo anche per aver denigrato i tweet.

Le sue azioni hanno rischiato di danneggiare Twitter e i suoi azionisti, hanno devastato il prezzo delle azioni di Twitter. Potrebbero avere gravi conseguenze per l’accordo, e lui lo sapeva“.

Alcuni affermano che potrebbe essere una delle più grandi lotte legali nella storia di Wall Street.

Musk deve ancora discutere la causa in dettaglio su Twitter, la sua piattaforma preferita per pubblicare meme ed esprimere i propri pensieri in generale.

Bloomberg afferma che la società vuole che il processo inizi rapidamente, si vocifera possa iniziare a settembre.