Quando parliamo di metaverso, ci sono importanti numeri di cui analisti ed esperti parlano quando si prova a stimare il reale potenziale dell’economia che girerà intorno ai mondi virtuali.

Bloomberg stima che le transazioni in-game e i microacquisti potrebbero raggiungere gli 800 miliardi di dollari nel 2024, mentre Citi afferma che entro il 2030 da 8 trilioni di dollari a 13 trilioni di dollari.

Ma sono cifre che transiteranno per mezzo delle criptovalute come in tanti si aspettano e ne sono profondamente convinti, oppure sarà un’economia incentrata sulle tradizionali valute fiat? Il modo in cui verranno effettuati tali acquisti e con quale tipo di moneta verranno effettuate tali transazioni finanziare dipende da una serie di fattori. 

guadagni metaverso

La domanda più importante da porsi è proprio se questi immersivi mondi 3D saranno costruiti su blockchain o meno. Vale a dire se utilizzeranno o meno criptovalute come moneta di scambio.

Citi presume che i progressi tecnologici come un miglioramento di 1.000 volte nello streaming, ma già l’economia del metaverso esistente può mostrare numeri piuttosto grandi. Facciamo quindi un rapido excursus su come funzionano le transazioni finanziarie nei due sistemi e come differiscono tra loro.

Il più grande Metaverso esistente

Il più grande metaverso esistente è di gran lunga Roblox. La piattaforma è stata lanciata nel 2006, ben tre anni prima di Bitcoin. Secondo quanto si legge sul sito ufficiale, Roblox conta 54 milioni di utenti attivi ogni giorno. E non usa le criptovalute per i pagamenti. 

Un altro “big” è Fortnite di Epic Games. Si tratta principalmente di un gioco online multiplayer di massa (MMO) che sta lentamente passando a un vero e proprio metaverso. Questo processo implica essenzialmente l’aggiunta di più terre attirando sviluppatori, rivenditori, intrattenitori e altri progetti.

Entrambi sono gratuiti e sia Roblox che Epic monetizzano tramite le microtransazioni in-game. Entrambi offrono livelli di abbonamento premium con vantaggi speciali che vanno da ricariche nella valuta da spendere nello store interno a particolari oggetti di gioco, come le skin dei personaggi o armi speciali da utilizzare nelle sfide.

Anche i metaversi Blockchain come Decentraland e The Sandbox sono gratuiti. In tutti i casi, l’economia delle transazioni presuppone non solo la vendita di beni virtuali (e probabilmente del mondo reale), ma anche microgiochi pay-to-play, servizi di abbonamento e costi di legati ai ticket.

Metaverso libero, o servono limiti?

Le valute di pagamento utilizzate dai due tipi di metaverso che abbiamo visto hanno una differenza fondamentale. Roblox e Fortnite utilizzano valute create e controllate dagli sviluppatori, rispettivamente Robux e V-Bucks.

I metaversi Decentraland e The Sandbox utilizzano invece le loro criptovalute. Ciò significa che oltre al loro valore in termini di pagamento per gli acquisti interni al gioco, sono anche fortemente influenzati dalla speculazione e hanno casi d’uso esterni dalla piattaforma nativa.

Ciò, ovviamente, significa che il valore della valuta creata dagli sviluppatori e dai rivenditori di gioco potrebbe fluttuare tanto quanto il bitcoin.

Sebbene entrambi i “metaversi blockchain” siano ancora essenzialmente in versione beta e non abbiano davvero molta economia interna al di fuori della vendita di appezzamenti di “terreno” su cui costruire, un domani, le quotazioni sui mercati dei loro token hanno fluttuato selvaggiamente insieme al più generale mercato delle criptovalute. I token MANA di Decentraland hanno raggiunto il picco di 5,90 dollari per token al culmine del mercato rialzista a novembre dello scorso anno. Oggi vengono scambiati ad appena 0.85 dollari. Il token SAND di Sandbox è riuscito pure a fare peggio, passando da 8,44 dollari di novembre 2021, agli attuali 1,08  dollari per token.

Mentre il metaverso è esaltato dai rapporti degli analisti e dalle celebrità che vi si trasferiscono – Snoop Dogg ha ricevuto enorme attenzione dalla stampo per le sue imprese Decentraland – è fondamentalmente, per il momento, tutto interamente in mano agli speculatori. E poiché entrambi sono progetti decentralizzati, gli sviluppatori avranno ancora meno controllo man mano che l’economia cresce. Ma guadagneranno o perderanno anche denaro con le proprie sostanziali partecipazioni in token.

Cosa guadagnano gli sviluppatori dai metaversi

Roblox addebita agli sviluppatori il 25% delle entrate di un gioco, ma c’è anche un grosso taglio nel tasso di cambio. Ad esempio se per acquistare 100.000 Robuck l’utente spende 1.000 dollari, agli sviluppatori, che hanno comunque un minimo per poter prelevare i proventi, ne ricevono solamente 350.

Fortnite ha una media di 24 milioni di utenti attivi giornalieri e oltre 260 milioni di giocatori unici mensili. I V-buck valgono $ 0,01 e i creatori devono guadagnare almeno $100 in 12 mesi per incassare. Non ha una criptovaluta e gli eventuali token Fortnite che si trovano sul mercato sono “una truffa”, come abbiamo già visto in QUESTO ARTICOLO.

Decentraland e The Sandbox hanno fatto e stanno facendo molti soldi vendendo appezzamenti di terreno virtuali, con alcuni quartieri più costosi di altri. Proprio come nel mercato real estate tradizionale. Queste trame sono un altro aspetto dell’economia, con la speculazione “terriera” che già attrae investitori e grandi marchi che creano esperienze di marketing e negozi per vendere articoli di gioco NFT come abbigliamento.