Il Watch-to-Earn è la nuova frontiera delle possibilità offerte dalla tecnologia unica della blockchain. Oltre a poter guadagnare delle piccole rendite giocando o contribuendo a diverse piattaforme, oggi sarà possibile guadagnare e sostenere i nostri creatori di contenuti preferiti grazie a un protocollo unico nel suo genere.

Le soluzioni particolari e innovative offerte negli ultimi anni dal mondo di Bitcoin e delle criptovalute, sono state tantissime. Dall’ampliamento dell’accesso ai servizi finanziari costruendo sistemi economici decentralizzati, alla creazione di NFT (token non fungibili) che possono essere applicati a una pletora di settori che vanno dalla moda e dall’arte, ai giochi, alla biglietteria per eventi, allo streaming video e molto molto altro.

watch to earn xcad

È da pochi mesi che sta emergendo una nuova ondata di progetti crittografici che si basano sulle qualità e sul sogno dell’indipendenza finanziaria, offrendo agli utenti di Internet un modo per guadagnare senza investimenti da qualcosa che già fanno ogni giorno: guardare i video di YouTube.

Cos’è il Watch-to-earn

I progetti Watch-to-Earn (W2E) sono delle applicazioni che rendono il processo quotidiano di visualizzazione dei contenuti su Internet redditizio anche per lo spettatore finale, oltre che per il Creator e la piattaforma ospite, come è stato da sempre. 

Ma il movimento W2E coinvolge per la prima volta anche il pubblico nel suo business, consentendo loro di guadagnare ricompense non solo per aver assistito passivamente alla pubblicità che inonda ogni angolo del web, ma per aver guardato e interagito con i contenuti dei loro creatori preferiti.

Il reddito passivo è oramai un concetto molto familiare nello spazio Web3, ma le sue applicazioni fino ad ora sono state molto limitate e spesso non esattamente costruttive o in qualche modo “oneste”. 

Lo staking di criptovalute in cambio di ricompense passive è ormai qualcosa di assodato da anni, ma ciò comporta da un lato dei rischi per lo staker, che deve bloccare una parte dei propri fondi per generare rendimenti. Così come accade con qualsiasi tipo di investimento finanziario vincolato. Che sia con la nostra banca, il nostro finanziario o in autonomia sulla blockchain.

Il play-to-earn e la GameFi

L’arena GameFi (gaming finance) ha offerto in questi mesi la possibilità di generare entrate passive giocando a giochi basati su blockchain. Tuttavia, questi “giochi”, con poche rare eccezioni, avevano più l’aria di uno specchietto per le allodole. Gli utenti di fatto non giocavano semplicemente per il piacere del gioco, con il bonus di qualche piccolo guadagno. 

Si andavano invece a creare situazioni paradossali ove il lucro era l’unico scopo delle ore passate a svolgere attività su videogiochi che magari non portavano neanche lo svago e il divertimento per cui dovrebbero essere utilizzati in primis.

L’innovazione di XCAD, la perla del Watch-to-earn

Il Watch-to-Earn introduce per la prima volta la possibilità di un reddito passivo reale integrando il meccanismo di ricompensa con un’attività che la maggior parte degli utenti di Internet svolge ogni giorno come guardare video e fruire di contenuto multimediali in generale.

Progetti come XCAD Network rendono perfetta questa integrazione offrendo un plug-in del browser gratuito che funziona in modo nativo con YouTube. Il pubblico guadagna ricompense pagate in token per il tempo che trascorrono a guardare contenuti e queste ricompense possono quindi essere scambiate e vendute sul mercato.

I creatori di contenuti che prendono parte al sistema di premi di XCAD creano i propri token unici e personalizzabili da distribuire ai propri fan, senza andare ad interrompere o intaccare alcun accordo di utilizzo che potrebbero avere con YouTube o gli inserzionisti.

In questo modo, i progetti Watch-to-Earn come XCAD si basano efficacemente sulla scala e sul successo di una piattaforma già affermata e decisamente solida come YouTube. Offrendo al contempo strumenti che funzionano in tandem con la piattaforma e non contro di essa. Il famoso rapporto win-win, che spesso molte aziende sottovalutano, focalizzate sull’ostilità verso i competitor piuttosto che a cercare e implementare collaborazioni costruttive per tutte le parti in gioco.

I tentativi in passato

Diversi progetti hanno tentato di premiare i membri del pubblico per le loro abitudini di visualizzazione in passato, ma questi sono stati in genere limitati alle loro piattaforme di visualizzazione specifiche. Ciò significa che gli utenti hanno dovuto saltare da un sito Web all’altro alla ricerca di ricompense, che, a loro volta, ha favorito una corsa al ribasso del profitto. Si sa, è molto più semplice assecondare e seguire le abitìni già consolidate del pubblico e degli utenti, piuttosto che cercare di farglieli cambiare.

Con l’integrazione di YouTube che sarà disponibile nelle prossime settimane e l’integrazione di Twitch pronta per essere svelata molto presto, XCAD sembrerebbe offrire un’evoluzione rivoluzionaria del concetto Watch-to-Earn che potrà per la prima volta redditizia la visione di video su Internet. Senza complicazioni o programmi complicati da installare e gestire, direttamente sul sito di YouTube e – in futuro – Twitch.