Le criptovalute che sopravvivono al mercato ribassista saranno “Amazon” di domani: lo afferma il vice governatore della banca centrale.

Il drammatico crollo dei mercati delle criptovalute è paragonabile allo scoppio della bolla delle dotcom: lo ha affermato un alto funzionario della Banca d’Inghilterra.

banche bitcoin criptovalute

Sono stati tracciati dei paralleli con il clamoroso crollo delle società di Internet in fase iniziale, dove sono andati in fumo $5 trilioni di dollari. Vediamo bene cosa può succedere.

Le criptovalute: alternativa alla banca?

Secondo Bloomberg, il vice governatore della banca centrale, Sir Jon Cunliffe, ha suggerito che le imprese che sopravvivono a questa attuale disfatta del mercato potrebbero acquisire molta influenza negli anni a venire.

Più di $2 trilioni sono stati cancellati dalla capitalizzazione di mercato totale di tutte le criptovalute dal novembre 2021. Inevitabilmente sono stati tracciati parallelismi con il clamoroso crollo delle società Internet nella fase iniziale, dove $5 trilioni sono svaniti dalle loro valutazioni. Sir Jon ha detto:

Molte aziende se ne sono andate, ma la tecnologia non è andata via. È tornata 10 anni dopo e quelli che sono sopravvissuti – Amazon ed eBay ad esempio – si sono rivelati i players dominanti“.

Il tono delle osservazioni di Sir Jon è forse sorprendente. Lo scorso ottobre, aveva avvertito che i mercati delle criptovalute in rapida crescita avrebbero potuto influenzare altri mercati, soprattutto considerando che 2,3 milioni di inglesi avevano iniziato a investire in asset rischiosi come Bitcoin.

In realtà, in questo mercato ribassista si è realizzato l’esatto contrario, con forti ribassi a Wall Street in gran parte responsabili del pesante calo del prezzo di BTC.

A peggiorare le cose, il sentimento sull’economia globale si è inasprito a causa dell’aumento dell’inflazione e degli aumenti dei tassi di interesse.

Ottimismo sul lungo termine

Pur ammettendo che il resto dell’anno potrebbe essere doloroso per gli investitori di Bitcoin, Sir Jon era ottimista sul lungo termine.

Qualunque cosa accadrà nei prossimi mesi alle criptovalute, mi aspetto che la tecnologia cripto e la finanza decentralizzata continuino. Ha la possibilità di portare grandi cambiamenti nella struttura del mercato“.

All’inizio di questa settimana, Tether ha annunciato il lancio di una nuova stablecoin ancorata alla sterlina britannica.

L’emittente della stablecoin afferma che GBPT farà il suo debutto all’inizio di luglio, e inizialmente sarà supportato dalla blockchain di Ethereum.

Tutto questo arriva dopo che il Regno Unito ha annunciato che intende diventare un “hub globale per quanto riguarda blockchain e criptovalute” e riconoscere le stablecoin come metodo di pagamento valido.