Edward Snowden ha sempre sostenuto apertamente di essere un vero fan di Bitcoin, ma pensa che la sua mancanza di privacy potrebbe significare un fallimento nel lungo termine. Almeno in quanto sistema di pagamento nei termini in cui si è proposto inizialmente per voce del suo creatore.

L’attivista americano ha inoltre affermato che esistono più risorse crittografiche che possono essere considerate denaro simile all’oro piuttosto che alle monete.

edward snowden bitcoin criptovalute

Ha aggiunto che pensa che la concorrenza tra le criptovalute non può che essere nettamente una nota positivo per il mondo.

Chi è Snowden

Edward Snowden è un ex sistemista informatico della CIA che è in seguito andato a lavorare per l’appaltatore di intelligence privata Dell. Prima all’interno di un avamposto della National Security Agency in Giappone e poi dopo all’interno di una stazione della NSA alle Hawaii. All’inizio del 2013, è andato a lavorare per l’appaltatore Booz Allen Hamilton all’interno dello stesso centro della NSA alle Hawaii.

Mentre lavorava per gli appaltatori, a un certo punto Snowden iniziò a scaricare documenti segreti relativi alle attività di intelligence degli Stati Uniti e alle partnership con alleati stranieri. Inclusi alcuni che rivelavano l’entità della raccolta di dati dai tabulati telefonici statunitensi e dalle attività su Internet.

Alla fine del 2012, Snowden ha iniziato a contattare i giornalisti per divulgare alla popolazione quanto scoperto e nel 2013 ha fatto trapelare documenti a Glenn Greenwald del Guardian, Barton Gellman del Washington Post e alla regista di documentari Laura Poitras.

Il consiglio del Premio Pulitzer ha quindi assegnato la sua più alta onorificenza, la medaglia per il servizio pubblico, al Washington Post e al Guardian per i loro articoli basati sui documenti forniti da Snowden. Il premio ha fatto eco al Pulitzer assegnato nel 1972 al New York Times per i suoi rapporti sui Pentagon Papers, la storia segreta della guerra del Vietnam.

Edward Snowden si esprime su Bitcoin

Edward Snowden afferma di credere fermamente nel movimento culturale che ha dato vita a Bitcoin e al monfo delle criptovalute. Detto questo, ha sottolineato anche che ci siano alcuni ostacoli importanti da affrontare nei prossimi anni.

Parlando in un’intervista a distanza al Consensus 2022 di Austin, l’informatore americano e presidente della Freedom of the Press Foundation ha condiviso i suoi pensieri sulla promessa della tecnologia emergente. Il messaggio più importante resta in ogni caso il suo appello nel tenere sotto controllo e ragionare sui pericoli di un mondo privo di privacy finanziaria con rispetto alle criptovalute.

Snowden, che ha fatto notizia a livello internazionale quando nel 2013 ha divulgato documenti riservati della National Security Agency che dettagliavano le pratiche di sorveglianza dei cittadini statunitensi, ha descritto la natura pubblica di Bitcoin come un “difetto fondamentale”. Ha poi anche affermato che il motivo principale per cui potrebbe fallire è perché si sarebbe potuto mostrare come non privato.

“Bitcoin sta fallendo come sistema di pagamento elettronico”

“Non sta funzionando come un sistema di denaro elettronico perché il denaro è in gran parte inteso per essere anonimo”, ha detto, riferendosi al white paper di Bitcoin. Satoshi Nakamoto ha notoriamente pubblicizzato Bitcoin come “un sistema di denaro elettronico peer-to-peer.

Sebbene abbia affermato di aver riscontrato problemi con il libro mastro pubblico di Bitcoin, Snowden ha chiarito di essere “molto fan” della tecnologia e ha fatto un confronto tra oro e criptovalute. Osservando in ogni caso che la natura senza confini di Bitcoin e cripto in generale è “una cosa sorprendente .”

Poco dopo la discussione, Snowden ha pubblicato un tweet in cui descriveva l’oro come “Bitcoin che non può essere inviato su Internet”.

Ha anche nominato diverse altre innovazioni nello spazio delle criptovalute. Tra queste ha dedicato ampio spazio alle privacy coin come Zcash e Monero. Snowden ha recentemente rivelato di aver contribuito a creare Zcash con lo pseudonimo di John Dobbertin. Durante la discussione ha affermato di essere stato “veramente colpito” dalla sua Zero Knowledge Proof Technology quando ha letto per la prima volta il whitepaper.

Cripto come denaro

Elaborando le sue opinioni sulla promessa della tecnologia crittografica, Snowden ha aggiunto che molti asset crittografici sono “più vicini al denaro” rispetto alle valute fiat. “Le persone non capiscono la differenza, Ma il denaro è una cosa che ha valore, un token che può essere scambiato che non è controllato in modo indipendente da alcuna autorità centrale”, ha affermato.

Snowden ha proseguito poi avvertendo dei pericoli della finanziarizzazione dell’industria delle criptovalute. Ha affermato che quel mondo stava diventando sempre più diviso “a causa della finanziarizzazione della criptovaluta” e ha accennato al fatto che pensa che gli utenti non si stiano concentrando abbastanza sulla tecnologia stessa. Probabilmente in molti accecati dal potenziale speculativo offerto da questi asset molto particolari.

“Gli utenti non pensano principalmente a quali sono le reti che ci serviranno per 100 anni per trasferire valore”, ha affermato. “Sono inoltre molto preoccupato per un mondo in cui i nostri soldi finiranno per essere usati contro di noi”.

Snowden ha detto che spera che le persone debbano avere accesso a denaro libero nel senso dell’indipendenza di questo da una qualche forma di potere centrale. In quello che potrebbe essere interpretato come un’approvazione del più ampio mondo crittografico in quanto tale, piuttosto che di una risorsa specifica tra le tante, ha poi suggerito che avere più risorse che potrebbero fungere da denaro fosse una buona cosa per il mondo.

Snowden conclude poi il suo intervento sottolineando nuovamente l’importanza della concorrenza e della sana competizione per l’innovazione. Più attori che competono per portare al mondo la tecnologia e le soluzioni migliori, non possono che far bene a tutti noi.
Tenendo viva la corsa al miglioramento, non si potrà che osservare un continuo e costante miglioramento dei processi, delle tecnologie e dei casi d’uso di queste nuove risorse.