Secondo un’indagine Reuter, il più grande exchange di criptovalute del mondo, Binance, sarebbe dal 2017 un importante hotspot per il riciclaggio di fondi rubati. 

Lo studio afferma, tra le altre cose, che Lazarus, il gruppo di hacker legato al programma nucleare della Corea del Nord, è stato uno dei numerosi criminali e truffatori che hanno utilizzato Binance per ripulire e spostare i propri fondi illeciti. Binance sarebbe appunto stato il mezzo preferito da diversi hacker nordcoreani per riciclare denaro sporco.

binance riciclaggio accusa reuters

Secondo un rapporto pubblicato da Reuters, i criminali hanno utilizzato il famoso exchange per far transitare e ripulire profitti illeciti. Denaro proveniente in larga parte ​​dal traffico di stupefacenti, dall’hacking e dalla frode. Dal 2017, almeno 2,35 miliardi di dollari ottenuti illegalmente sono stati incanalati attraverso la piattaforma.

Lazarus e Binance, cosa dice il rapporto

Il documento menziona anche che una banda di hacker nordcoreana nota come Lazarus ha utilizzato Binance per riciclare i suoi guadagni illeciti, tra le altre cose. Nel settembre 2020, il gruppo fraudolento ha violato Eterbase, un exchange di criptovalute slovacco, e ha rubato criptovaluta per un valore di 5,4 milioni di dollari.

Hanno quindi utilizzato Binance per costruire dozzine di conti anonimi, che hanno utilizzato per scambiare una parte del denaro rubato con altre valute. Hanno effettivamente fermato la scia di denaro nelle sue tracce.

A giugno, il Consiglio GST potrebbe discutere le criptovalute e la composizione dei tribunali.

Gli Stati Uniti hanno già avvertito Lazarus di presunti attacchi informatici nel 2019. Hanno anche scoperto connessioni tra la banda di hacker e il programma nucleare della Corea del Nord. Gli Stati Uniti lo hanno descritto come uno strumento utilizzato dall’intelligence nordcoreana, accusando Pyongyang di “bugie malvagie”.

Gli hacker del gruppo Lazarus hanno creato questi account anonimi in circa 9 minuti. Binance ha ammesso che le uniche informazioni che possedevano su questi account fasulli erano i loro ID e-mail, anch’essi falsi quando interrogati. Anche le reti private virtuali sono state utilizzate dagli hacker per nascondere la loro posizione.

Anche Huobi nel mirino insieme a Binance

Dalle carte risulta che solo una parte degli asset rubati di Eterbase sia stata riciclata tramite Binance, mentre il resto è stato dirottato tramite Huobi, un’altro grande exchange di criptovalute con sede alle Seychelles.

Secondo l’indagine Reuters, questa incidenza è stata solo una piccola parte della salva di Lazzaro. Entro il 2020, Lazarus aveva rubato 1,75 miliardi di dollari in criptovaluta e li aveva spostati attraverso “scambi non identificati”.

Lazarus è stato anche accusato nel marzo 2022 di aver violato la piattaforma di gioco Axie Infinity. Un colpo che ha fruttato la bellezza di 600 milioni di dollari in criptovalute. Binance è stato utilizzato per trasferire ancora una volta una quantità indeterminata di denaro. L’exchange, d’altra parte, afferma di aver scoperto e congelato ben 5 milioni di dollari legati al colpo.

I sistemi antiriclaggio di Binance non erano adeguati?

Reuters ha rivelato nel gennaio 2021 che i sistemi antiriciclaggio (AML) di Binance erano nella migliore delle ipotesi inadeguati e facili da aggirare.

Inoltre, nonostante i ripetuti reclami degli alti funzionari della società per un periodo di tre anni, Binance non è passato a severi test. Almeno fino ad agosto 2021. Per tutto questo tempo, le banche centrali, i legislatori e le autorità di tutto il mondo hanno espresso le loro preoccupazioni riguardo riciclaggio di denaro e finanziamento del terrorismo attraverso il trading di criptovalute.

La maggior parte degli illeciti è stata ricondotta alla “darknet“, una porzione isolata di Internet in cui gli utenti sono costretti a nascondere le proprie identità utilizzando reti private virtuali, secondo il rapporto.

Secondo i dati della società di analisi Crystal Blockchain, Hydra, la più grande rete di spaccio di droga sul dark web, ha incanalato 780 milioni di dollari in fondi illeciti attraverso Binance. Ciò è stato confermato anche da un’altra attività di analisi crittografica.

La raccolta di dati ha anche rivelato che la criptovaluta deviata si è fermata in una serie di altri portafogli di criptovalute prima di essere parcheggiata con Binance. Tali pagamenti “indiretti” provenienti da noti portafogli discutibili. Secondo la Financial Action Task Force (GAFI), che guida la lotta globale contro la criminalità finanziaria, sono di per sé “fai rossi abbaglianti”.

La risposta di Binance

Patrick Hillman, Chief Communication Officer di Binance, ha detto a Reuters che la cifra di 780 milioni di dollari collegata all’attività di Hydra era “imprecisa e sopravvalutata”.

“Ciò che è essenziale notare non è da dove provengono i soldi – poiché i depositi di criptovalute non possono essere vietati – ma cosa facciamo dopo che i fondi sono stati depositati”, ha detto Hillman in un colloquio con Reuters in merito a questi flussi finanziari indiretti. Binance lavora anche con le forze dell’ordine su base giornaliera per tracciare, monitorare e restituire i soldi persi a causa di attività fraudolente, secondo lui.

La dichiarazione formale di Binance è stata anche trattata in dettaglio sul suo blog ufficiale questa mattina. Ha rilasciato la corrispondenza e-mail tra Reuters e lo scambio, che include una risposta dettagliata da parte dello staff di Binance a tutte le preoccupazioni espresse.

Soprattutto, Binance ha affermato che le rigide regole di conformità KYC sarebbero state implementate come requisito per iscriversi allo scambio. Ha detto in particolare che mentre c’erano entità che erano ancora contrarie al piano, Binance continuerà ad implementarlo.