Paraguay: regolamentazione sulle criptovalute a metà strada dopo che il Congresso ha approvato il disegno di legge. Cosa succede.

Il Paraguay fa un passo avanti verso la piena legalizzazione delle criptovalute.

Il Paraguay è stato a lungo indicato come uno dei principali candidati per diventare il prossimo paese ad accettare la criptovaluta come moneta a corso legale. Vediamo cosa sta succedendo.

paraguay bitcoin

Paraguay e criptovalute: si accelera verso il sì

Potrebbe non essere ancora sulle carte, ma il Paraguay è più vicino alla legalizzazione completa delle criptovalute. Il Congresso ha approvato un disegno di legge sul mining e sul commercio di criptovalute.

La Camera dei Deputati ha votato con un margine di 40 contro 12 a favore della legge, introdotta per la prima volta dal Senato nel luglio 2021. Mira a regolamentare le attività commerciali legate alle criptovalute. Tra queste citiamo il trading, la custodia, l’amministrazione ed il mining di criptovalute. Il Ministero dell’Industria e del Commercio (MIC) coordinerà e supervisionerà tali attività in coordinamento con la Commissione nazionale dei valori mobiliari, la Segreteria per la prevenzione del riciclaggio di denaro e di beni, l’Amministrazione nazionale per l’energia elettrica e il Ministero delle finanze.

Dopo la sua prima introduzione al Senato, il Congresso ha modificato e approvato il progetto. Ora dovrà essere approvato dal Senato prima che il Presidente possa trasformarlo in legge.

La sua approvazione eleverebbe il Paraguay ad hub minerario. Il paese vanta già il costo dell’elettricità più basso dell’America Latina a cinque centesimi per kilowattora. I fornitori di servizi in criptovalute e i miners otterrebbero una licenza quinquennale dal MIC una volta che il mining verrà ufficialmente riconosciuto nel paese.

Non tutti sono bullish sulle cripto in Paraguay

Anche se la proposta iniziale del disegno di legge del Senato rende probabile la loro approvazione, le criptovalute hanno alcuni potenti oppositori anche in Paraguay.

La Bance Central de Paraguay (BCP) ha commentato che i vantaggi della regolamentazione delle risorse digitali non superano gli aspetti negativi. Tra questi ultimi cita il consumo di elettricità, la perdita di reputazione ed i costi per il sistema finanziario. Il BCP ha inoltre osservato che le criptovalute sono investimenti ad alto rischio e che tale disegno di legge potrebbe dare agli investitori un falso senso di sicurezza.

La BCP non è l’unico avversario. Si dice che il deputato Basilio Núñez abbia affermato che la criptovaluta “favorisca la criminalità organizzata”. Il deputato Tadeo Rojas ha affermato che la creazione di posti di lavoro dal mining di criptovalute non risolve il problema dell’aumento del consumo di energia da mining.

Il noto sostenitore delle criptovalute Carlos Rejala ha respinto le critiche, dicendo che il disegno di legge consentirebbe la supervisione dell’industria delle risorse digitali.

Secondo un rapporto di Statista, la metà delle società fintech paraguaiane nel 2022 ha accettato pagamenti digitali per aziende e consumatori. Questa cifra probabilmente è aumentata in modo significativo da allora.