Due asteroidi stanno per salutare il nostro e in molti sono preoccupati di un possibile impatto con la terra. Vediamo nel dettaglio cosa sta succedendo. 

Due asteroidi stanno per fare un saluto al nostro pianeta, scatenando anche l’ansia di chi ritiene che possa verificarsi una vera e propria collisione con il nostro pianeta. Naturalmente si tratta di paura infondate, in quanto gli scienziati assicurano che si tratterà di un fenomeno innocuo che accade molto spesso all’interno della nostra galassia. I due asteroidi in questione sono stati chiamati 2009 JF1 e 2006 JF42.

asteroide
Adobe Stock

Il primo arriverà nella giornata di oggi Sabato 7 Maggio 2021, mentre il secondo “saluterà” la terra lunedì 9 Maggio 2021. 

Asteroidi in arrivo, esiste un rischio di collisione con la terra? Ecco la risposta fornita dalla Nasa

Come si accennava in precedenza, non esiste alcun rischio di collisione con il nostro pianeta, in quanto la Nasa, l’agenzia spaziale americana, ha spiegato che la distanza di sicurezza tra questi e la terra, è molto grande, al punto che un impatto con la terra non è matematicamente possibile. Non tutti lo sanno, ma un altro asteroide molto grande è passato molto vicino alla terra il 28 Aprile scorso, a una distanza di circa 3,2 milioni di chilometri.

Per quanto invece riguarda 2009 JF1, il suo diametro è molto piccolo, di circa dieci metri, e anche per questo si era scelto di escluderlo dalla lista degli asteroidi pericolosi che è stata stilata dall’agenzia spaziale europea di recente. Erano state in precedenza fatte alcune rilevazione dall’Esa che avevano accertato che la possibilità di collisione con la terra era sostanzialmente nulla. 

Cosa ha dichiarato l’agenzia spaziale europea sulla presunta pericolosità di questi due asteroidi in arrivo

In proposito, l’Esa ha dichiarato che “questo esperimento dimostra l’importanza di un catalogo come quello fornito da Gaia”. Per quanto invece riguarda il secondo asteroide che arriverà nella data del 9 maggio, questo ha un diametro molto più importante e pericoloso tra i 380 e gli 860 metri.

Gli scienziati hanno calcolato che il suo saluto alla terra avverrà mantenendo una distanza di circa 5,7 milioni di chilometri. Una distanza che è di circa quattordici volte superiore a quella che intercorre tra la Terra e la Luna. Anche questo secondo asteroide in ogni caso, non è stato classificato dalla Nasa come potenzialmente pericoloso. Resta dunque confermata in toto una stima fatta dall’agenzia spaziale americana, che ha affermato che per i prossimi cento anni non sono previste collissioni pericolose con altri asteroidi in arrivo che interessano il nostro pianeta. 

Che cosa si intende con il termine asteroide e in cosa si differenzia da una cometa

Non resta dunque che mettere da parte la nostra paura ancestrale verso ciò che viene dallo spazio, e attendere il saluto che queste due rocce faranno al nostro pianeta tra pochissimo. Naturalmente esistono delle eccezioni, e si sono anche registrati nella storia asteroidi di grandi dimensioni, in particolar modo ai confini del nostro sistema solare esterno.

Una delle ipotesi sugli asteroidi, è che questi siano in origine dei residui del disco protoplanetario che durante la nascita e la formazione del sistema solare, non sono stati incorporati e assimilati dai pianeti, e sono rimasti dunque a vagare solitari nello spazio. vengono invece chiamate comete, quegli asteroidi che sono costituiti da ghiaccio come materiale principale.