La notizia è destinata a lasciare un segno, forse indelebile, in un momento in cui, almeno in Europa, il conflitto russo-ucraino e la conseguente diminuzione della reperibilità di olii quali quello di girasole, ha riaperto le porte alla possibilità di esportare, nel Vecchio Continente, il “diabolico olio di palma”, che per anni i nutrizionisti hanno sconsigliato vivamente.

Pare che sia ufficiale che l’Indonesia inizierà a limitare le esportazioni di olio di palma da questa settimana, una mossa che potrebbe peggiorare la crisi alimentare globale e far salire i prezzi di centinaia di prodotti di consumo.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo
Olio di palma
Olio di palma: l’Indonesia inguaia l’Europa
Il presidente Joko Widodo ha annunciato venerdì che l’Indonesia avrebbe sospeso le esportazioni di olio da cucina e le materie prime utilizzate per produrlo, “fino a nuovo avviso”, nel tentativo di tutelare le forniture locali.

Indonesia: l’olio di Palma potrebbe diventare un lontano ricordo per l’Europa, cosa succederà adesso?

Il divieto entrerà in vigore da questo giovedì. Il paese del sud-est asiatico è il più grande produttore mondiale di olio di palma e l’annuncio di venerdì ha fatto impazzire i prezzi della merce, ha affermato James Fry, presidente della società di consulenza LMC International. I futures sul petrolio di palma greggio in Malesia, un benchmark globale, sono balzati di quasi il 7%.
Il ministero dell’agricoltura indonesiano non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento della CNN Business. Ma le restrizioni dovrebbero ancora includere l’oleina di palma, un prodotto trasformato che viene utilizzato per l’olio da cucina e rappresenta dal 40% al 50% delle esportazioni indonesiane, secondo gli analisti. Ciò alimenterebbe l’inflazione, proprio quando i prezzi alimentari globali hanno raggiunto i massimi storici.
L’olio di palma è un ingrediente comune che si trova in molti alimenti, cosmetici e articoli per la casa di tutto il mondo. Il WWF stima che sia utilizzato in quasi il 50% di tutti i prodotti confezionati nei supermercati.
Fry ha affermato che il prezzo di molti articoli della dispensa, come olio da cucina, noodles istantanei, snack, prodotti da forno e margarina potrebbe aumentare quando le restrizioni dell’Indonesia entreranno in vigore.
I prezzi dell’olio di palma erano già sotto pressione dopo l’invasione russa dell’Ucraina, poiché i mercati si affrettavano a trovare alternative alle spedizioni di olio di girasole bloccate nei porti del Mar Nero. L’Ucraina è in genere un grande importante produttore di olio di girasole, ma il mercato delle esportazioni è stato di fatto “completamente incasinato dalla Russia”.