Una guida completa a Bybit, un exchange di criptovalute di nuova generazione che offre opzioni di trading con un’interfaccia intuitiva. 

Bybit è una piattaforma di scambio e trading di criptovalute con sede nelle Isole Vergini britanniche, specializzata in prodotti derivati. Attraverso i derivati gli utenti hanno il diritto di acquistare o vendere le criptovalute supportate a prezzi specifici in futuro.
Inoltre gli utenti possono aprire posizioni long e short e sfruttare la loro posizione ​​senza possedere l’attività sottostante. L’uso dei derivati ​​è un ottimo modo per trarre vantaggio dalle oscillazioni volatili dei prezzi delle criptovalute, in condizioni rialziste o ribassiste.
Bybit exchange

Ben Zhou ha fondato Bybit nel 2018 con l’obiettivo di formare un team di professionisti dell’investment banking e fintech. Vediamo tutte le caratteristiche più importanti.

Bybit: caratteristiche di base

La piattaforma fornisce l’accesso ai contratti perpetual inversi, contratti perpetual USDT ed ai contratti futures inversi, oltre le funzionalità classiche come exchange.

La leva è disponibile sulla piattaforma, ma ricordiamo sempre di stare alla larga se non siete degli esperti del trading. Questo strumento è pensato infatti per gli utenti che vogliono aumentare i potenziali guadagni se il prezzo va nella giusta direzione. Gli utenti saranno in grado di esercitare una leva inferiore man mano che il valore dei loro contratti aumenta.

Qui puoi consultare la nostra guida sulla leva nel trading di criptovalute.

È anche possibile impegnarsi nel trading spot tramite Bybit, con dozzine di coppie tra cui scegliere. Le risorse supportate popolari includono BTC, ETH, LINK, USDT, USDC, LUNA, SOL, DOGE, ecc. Inoltre i trader possono anche esplorare “sottocategorie” come DeFiNFTmetaverseGameFi e altro.
I trader che cercano maggiore esposizione e rischio possono sperimentare il trading con margine e utilizzare una leva fino a 100x . Tuttavia tieni presente che la leva comporta gravi rischi. Sebbene possa comportare profitti maggiori, amplifica anche le perdite se le operazioni non hanno successo.

Spot Trading vs Margin Trading

Bybit ha recentemente introdotto il supporto per i token non fungibili (NFT), consentendo l’esposizione a varie raccolte supportate. Gli utenti possono acquistare e vendere questi NFT per ETH, USDT o BIT. La piattaforma attualmente supporta cinque collezioni: Monster Galaxy, Mobland, ONBD, Tap Fantasy e 3space Art.

Sede di Bybit

Sebbene Bybit sia stata inizialmente fondata a Singapore nel marzo 2018, l’azienda ha stabilito la sua sede nelle Isole Vergini britanniche. È registrata come Bybit Fintech Limited. Oggi nelle Isole Vergini britanniche non esiste una regolamentazione crittografica ufficiale che consenta alle aziende di basare qui delle sedi senza preoccuparsi della burocrazia.

Bybit ha anche uffici a Hong Kong e Taiwan, poiché il suo obiettivo principale è il mercato delle criptovalute asiatico. Tuttavia l’azienda prevede una forte espansione europea. Ci aspettiamo quindi che apriranno degli uffici da queste parti

Iscriviti subito a ByBit e ottieni fino a $500 di BONUS di benvenuto!

Perché Bybit NON è consentito negli Stati Uniti

Anche se Bybit ha missione di espansione globale, la piattaforma non è accessibile alle persone che vivono negli Stati Uniti. È risaputo che gli Stati Uniti non sono troppo cripto-friendly e ogni stato ha i propri regolamenti e requisiti.
Nonostante ciò nulla impedisce ad aziende come Bybit di operare nel paese. Questo rende la decisione del team di non offrire servizi negli Stati Uniti piuttosto singolare. Sembra che la decisione sia stata presa per evitare qualsiasi conflitto o problema normativo.
I trader americani sono quindi sollevati dalla possibilità di utilizzare la piattaforma a causa di restrizioni geografiche. Gli utenti possono aggirare questo blocco tramite una VPN, a proprio rischio e pericolo. Inoltre Bybit si riserva il diritto di chiudere gli account di tutti gli americani che utilizzano i suoi servizi tramite una VPN o altri mezzi per mascherare la propria posizione geografica originale.

Capitolo autenticazione KYC: limiti e restrizioni

Uno dei motivi per cui molte persone si riversano su Bybit è che l’exchange non richiede la verifica dell’identità. Gli utenti non devono inviare una scansione dell’ID o una prova di residenza durante la creazione di un account. Tradizionalmente, i fornitori di servizi finanziari devono verificare l’identità di tutti gli utenti indipendentemente da quanto siano attivi sulla piattaforma. Ma Bybit adotta un approccio diverso su questo fronte.

Gli utenti che prevedono di spostare meno di 2 BTC al giorno possono utilizzare la piattaforma senza verificare la propria identità. Tutti gli altri dovranno passare attraverso un processo KYC, che aumenterà i propri limiti a 50 BTC o 100 BTC, a seconda della quantità di informazioni che inviano. Tieni presente che questi limiti si applicano ai prelievi giornalieri.
Agli utenti che completano il processo KYC verrà chiesto di inviare una scansione del passaporto o dell’identità e completare uno screening di riconoscimento facciale. Per ottenere la verifica di livello 2 è necessaria una prova dell’indirizzo.

Inoltre qualsiasi utente Bybit che non esegue il processo di verifica Know-Your-Customer può ricevere una richiesta di verifica KYC se l’exchange lo ritiene necessario.

Nota importante: sebbene l’exchange non richieda il processo di verifica KYC per prelievi fino a 2 BTC al giorno, diversi clienti da diverse parti del mondo hanno scritto dei post su Reddit affermando il contrario. In risposta Bybit ha condiviso un elenco di Paesi con restrizioni di servizio e i suoi Termini di servizio dichiarano che l’exchange si riserva il diritto di implementare i requisiti KYC su un account se viene rilevata una violazione delle sue regole. Pertanto si consiglia sempre di fare le proprie ricerche.

Iscriviti subito a ByBit e ottieni fino a $500 di BONUS di benvenuto!

Requisiti KYC per le aziende su Bybit

Le linee guida di cui sopra si applicano sia ai privati ​​che alle aziende. Tuttavia gli utenti aziendali hanno solo la verifica di livello 1, hanno bisogno di altra documentazione rispetto agli utenti per aumentare il limite di prelievo giornaliero a 100 BTC. I documenti richiesti per questo processo includono:

  • Atto di costituzione;
  • Albo dei soci e dei direttori;
  • Passaporto o carta d’identità e prova della residenza del beneficiario effettivo che rappresenta il 25% di interesse (o più) nella società;
  • Informazioni di un direttore (passaporto/carta d’identità e prova dell’indirizzo);
  • Informazioni su chi gestisce effettivamente il conto (passaporto/carta d’identità e prova dell’indirizzo)

Le aziende possono utilizzare Bybit senza completare la procedura KYC, ma si limiteranno a prelevare un massimo di 2 BTC al giorno.