Non importa se stai per acquistare pellet di legno per le tue stufe a pellet, oppure se sei determinato ad acquistare un pellettizzatore per produrre pellet di legno da solo.

E’ davvero importante che tu sappia distinguere un pellet di legno di buona qualità da uno cattivo.

Pellet
Pellet: distinguere la qualità dalle tipologie scadenti

Con strumenti professionali come il misuratore di umidità, puoi facilmente capire i fattori chiave che influenzano la qualità del pellet di legno. Tuttavia, cosa succede se non si dispone di questi strumenti? Cercheremo di spiegarti alcuni semplici modi per giudicare se un pellet di legno è buono o cattivo.

La prima impressione è importante, questo vale anche per la qualità del pellet di legno. Puoi giudicare la qualità del pellet di legno dal suo aspetto. 

Un pellet di qualità deve avere sempre una lunghezza uniforme, lo sapevi?

Infatti, per un singolo pellet di legno, c’è poca differenza tra uno di legno da 30 mm o uno di legno da 35 mm. Tuttavia, parlando di pellet di legno sfuso o di legno in sacchi, la differenza di lunghezza conta molto. La lunghezza uniforme riflette le prestazioni costanti e stabili della pellettatrice. La lunghezza ottimale dovrebbe essere compresa tra 30 mm e 40 mm. Se la lunghezza è molto diversa, è probabilmente causato da un’errata impostazione del coltello da taglio della pellettatrice. Un’altra specifica importante è il diametro. Ci sono principalmente pellet da 6 mm e 8 mm nel mercato attuale. Poiché le matrici sono progettate con fori da 6 mm e 8 mm, non devi preoccuparti di questo poiché il diametro è sempre lo stesso, indipendentemente dalla qualità.

Guarda sempre l’aspetto

Una buona superficie di pellet di legno deve essere liscia e lucente e non presenta crepe quando la si tocca e si sente. Se non è liscio e ha un alto contenuto di reperti, è necessario controllare il rapporto di compressione per la filiera della pellettatrice. Se vedi crepe su tutto il corpo, è perché la materia prima ha meno acqua o il materiale non è ben condizionato.
Non sottovalutare l’odore
Questo metodo sembra troppo banale giusto? Ma ha molto senso. Un pellet di legno di qualità dovrebbe avere l’odore del sapore del legno fresco. Questo è l’odore della sua materia prima: pura segatura o altro materiale di legno. Ma se l’odore è strano, uno dei motivi più possibili è che la materia prima non è pura o che nella produzione viene utilizzato un legante.
La prova dell’acqua
Preparare una tazza con acqua, in primo luogo, mettere un pellet di legno nella tazza. La linea di fondo è che deve affondare. È buona cosa e giusta che gli oggetti con densità superiore all’acqua affonderanno. Non acquistare pellet di legno che possono galleggiare.
Il fuoco ci dirà davvero tutto
Ecco un metodo definitivo per testare i pellet di legno perché la combustione è la destinazione finale. Puoi accendere un pellet di legno con il fiammifero. Quelli di buona qualità si bruciano facilmente poiché contengono segatura pura. Quando iniziano a bruciare, guarda il colore della fiamma, se vedi la fiamma di colore giallo chiaro o marrone, congratulazioni, sono buoni. Tuttavia, se il colore della fiamma è scuro o strano, allora deve contenere leganti o materia prima non pura.