L’Ufficio federale di polizia criminale tedesco, il Bundeskriminalamt (BKA), ha annunciato martedì scorso la rimozione ufficiale di Hydra, il più grande mercato illegale del dark web al mondo che ha facilitato complessivamente oltre $5 miliardi di transazioni Bitcoin fino ad oggi.

La “miniera d’oro” dei traffici illegali di criptovalute, che in fondo equivale solo al 2% del mercato delle monete digitali, rappresenta però una piaga che continua a screditare il bitcoin e le sue “sorelle”. Insomma, basta la malevole azione di pochi, per distruggere di fatto il lavoro di tanti.

Bitcoin mercato nero
Sgominato traffico illegale di criptovalute

Quello che è accaduto nelle ultime ore, con una vasta operazione portata a termine dalla polizia informatica tedesca, dimostra come siano esorbitanti le cifre dell’illegalità legata alle criptovalute anche nella Vecchia Europa.

Criptovalute: vasta operazione per sgominare mercato illegale di criptovalute

“Sono stati sequestrati bitcoin per un importo pari a circa 23 milioni di euro, che sono attribuiti al mercato”. Lo ha affermato la BKA in un comunicato stampa. La società di analisi blockchain Elliptic ha confermato che il sequestro è avvenuto il 5 aprile 2022 in una serie di 88 transazioni per un totale di 543,3 BTC.

Criptovalute: Hydra il Dark Web, di cosa si tratta

L’agenzia ha attribuito la chiusura di Hydra a un’ampia operazione di indagine condotta dal suo Ufficio centrale per la lotta alla criminalità informatica (ZIT). Tutto questo è avvenuto collaborazione con le forze dell’ordine statunitensi che secondo lei era in corso dall’agosto 2021.

Il mercato nero delle criptovalute in lingua russa

Lanciato nel 2015, Hydra era un mercato darknet in lingua russa che si è aperto come concorrente dell’ormai defunto mercato anonimo russo (aka RAMP).

Stiamo parlando di un’area illegale che non era solo legata al digitale, nota principalmente per il suo mercato dei narcotici ad alto traffico prima di espandere la propria attenzione alla vendita di documenti falsi e credito rubato carte.

Dal digitale alla criminalità reale di tutti i giorni

L’allarme è chiaro: il traffico illegale di criptovalute si ramifica nella criminalità della vita di tutti i giorni ed è questo l’aspetto più preoccupante.

Criptovalute usate per carte di credito rubate e documenti contraffatti

“I criminali informatici ora lo usano per condurre vendite illecite di carte di credito rubate, carte SIM e documenti e documenti d’identità contraffatti, tra le altre offerte, nonché per offuscare le proprie transazioni digitali attraverso scambi regionali e tattiche di riciclaggio di denaro estese”, ha osservato Flashpoint in un Rapporto maggio 2021.

Le cifre esorbitanti della crypto-criminalità

Si stima che i volumi di transazioni annuali di Hydra abbiano superato $ 1,6 miliardi entro la fine del 2021, segnando un aumento sbalorditivo dai soli $ 6,6 milioni nel 2016. Circa 17 milioni di account cliente e oltre 19.000 account venditore sono stati registrati sul mercato, ha affermato la BKA.

Il negozio del dark web, che si ritiene abbia avuto un fatturato di 424,2 milioni di dollari nei primi tre mesi del 2022, presentava anche un mixer Bitcoin Bank, che offuscava tutte le transazioni digitali effettuate sulla piattaforma, rendendo così difficile per le forze dell’ordine traccia le tracce di criptovaluta.

L’intervento risolutivo delle forze dell’ordine tedesche

I visitatori del sito Web del mercato vengono ora accolti da un banner di avvenuto sequestro del portale che chiarisce in questo modo l’avvenuto intervento delle forze dell’ordine.

“La piattaforma e il contenuto criminale sono stati sequestrati dall’Ufficio federale di polizia criminale (BKA) per conto della Procura generale di Francoforte sul Meno nel corso di un operazione coordinata internazionale delle forze dell’ordine”.

Decine e decine di operazioni già effettuate

La scomparsa di Hydra segue un’ondata di recenti azioni delle forze dell’ordine contro i mercati criminali dall’inizio dell’anno, tra cui quella di UniCC, Canadian HeadQuarters e quattro cardifici russi Ferum Shop, Sky-Fraud, Trump’s Dumps e UAS specializzati in la vendita di carte di credito rubate.