Il Liverpool FC difende la collezione NFT dopo le critiche e promette che non rilascerà dei fan token. Ecco gli ultimi aggiornamenti.

Gli NFT del Liverpool FC sono stati messi in vendita la scorsa settimana. Tra questi spiccano 24 NFT “leggendari” che raffigurano la squadra e l’allenatore Jürgen Klopp come supereroi. Una collezione più conveniente vende a $75 ciascuno.

NFT Liverpool

Il Liverpool FC ha difeso la sua decisione di rilasciare una raccolta di token non fungibili dopo alcune critiche. Afferma che sperimentare in questo nuovo mercato è fondamentale per scoprire cosa vogliono i fan.

Tuttavia, un dirigente marketing senior della squadra di calcio ha promesso che non rilasceranno fan token, affermando che “non è una visione che supportiamo“. Ecco gli ultimi aggiornamenti.

NFT del Liverpool: questo non ci voleva

Gli NFT di LFC sono stati messi in vendita la scorsa settimana, con 24 NFT “leggendari” unici nel loro genere che raffiguravano la squadra maschile e l’allenatore Jürgen Klopp come supereroi. Una collezione “eroe” in edizione limitata più economica ha venduto NFT a $75 ciascuno.

Parlando al podcast Bottom Line di Liverpool Echo, Drew Crisp ha affermato che il team ha osservato da vicino il mercato NFT negli ultimi 18 mesi e ha trascorso un anno a lavorare al progetto.

Il vicepresidente del marketing digitale, dei media e della tecnologia ha affermato che il Liverpool FC voleva entrare in contatto con diverse basi di fan e raggiungere un pubblico globale mentre l’industria sportiva diventa digitale, aggiungendo:

“Dobbiamo essere in questi diversi mercati per scoprire cosa funziona e cosa non funziona. Se non proviamo questi mercati e non ci mettiamo alla prova, non capiremo mai cosa funziona e cosa no per i nostri fan. È importante provare queste cose e vedere cosa funziona”.

Crisp ha anche affermato che i partner del Liverpool per la vendita di queste risorse sono stati scelti con cura. Sotheby’s è stata scelta perché è una casa d’aste di fascia alta e rispettata con esperienza nelle vendite NFT. Polygon è stata scelta perché la sua blockchain è rispettosa dell’ambiente. E probabilmente anche perché è molto economica.

Ecco cosa ne pensano i fan

Durante l’intervista, Crisp ha offerto un punto di vista sull’andamento corrente della vendita, rivelando:

“Abbiamo avuto un forte picco quando è stato lanciato per la prima volta. Abbiamo venduto alcune migliaia di unità della collezione Heroes e possiamo vedere le offerte negli 1-of-1. Quello che stiamo constatando è che c’è un mercato globale interessato a questo. Dunque ci rivolgeremo a un mercato globale per i fan interessati agli NFT”.

Ha sottolineato che i token non fungibili non vengono presentati ai fan di LFC come un’opportunità di investimento e ha riconosciuto che non tutti i fan saranno interessati a possedere risorse digitali:

“Non stiamo fingendo che si tratti di fan token facendo promesse che non possiamo mantenere. Se vuoi cogliere una nuova opportunità e vorresti un NFT del tuo giocatore preferito, allora ce n’è uno per te. Se non lo fai va benissimo, ci sono altri modi per entrare in contatto con il club”.

Sebbene il club abbia consultato Spirit of Shankly, un sindacato che rappresenta i tifosi del Liverpool, l’organizzazione ha messo in dubbio quest’idea e ha affermato di non approvare il progetto.

NFT e Liverpool: insieme per rimanere al top

Crisp afferma che il Liverpool intende monitorare da vicino le prestazioni degli NFT. Il rilascio di eventuali collezioni future dipenderà dal fatto che queste possano attirare i fan e adattarsi ai valori del club. L’esecutivo ha anche ammesso che il dibattito sulle criptovalute è “sensibile” e “ci sono opinioni polarizzate” sugli NFT nel mondo dello sport, aggiungendo:

“Se non lo provi, non puoi rispondere a nessuna di queste domande. Non credo che l’incertezza sui nuovi mercati sia un motivo per non metterli alla prova. Se vogliamo essere un club con una visione a lungo termine dobbiamo progredire in nuovi territori per essere sempre al top a livello commerciale. Abbiamo bisogno di provare a fare anche queste cose”.

Ha aggiunto che c’è molta incertezza sull’industria Web3 e sul metaverso, ed il Liverpool Football Club ne sta osservando da vicino gli sviluppi.

Nello scorso febbraio il Manchester City ha rivelato l’intenzione di costruire il primo stadio di calcio del mondo all’interno del metaverso. Per farlo ha chiesto l’aiuto degli esperti del gigante tech Sony.