Per aiutare a fornire rapidamente rifornimenti ai rifugiati ucraini, Amazon ha allestito in soli 10 giorni, a metà marzo, un magazzino di 5mila metri quadrati in Slovacchia.

Da un centro per evadere gli ordini dei clienti, ne è nato uno che raccoglie, prepara e distribuisce le forniture donate da decine di paesi del mondo per sostenere la causa della popolazione ucraina che da settimane vive momenti drammatici.

amazon ucraina aiuti

La forza logistica e il grande cuore di Amazon per l’Ucraina: così in 10 giorni nasce un’area di 5mila metri quadrati per l’Ucraina

Amazon ha annunciato a metà marzo di aver convertito quasi 54.000 “piedi quadrati” (circa 5mila metri quadrati) di magazzini in Slovacchia per creare un nuovo “centro per gli aiuti umanitari”. Questo è quanto viene rivelato da un post sul blog del sito Web dell’azienda.

Coperte, vestiti, beni di prima necessità: Amazon allestisce un centro di raccolta donazioni per i rifugiati

La nuova mega area collegherà una rete di centri logistici in tutta Europa per trasferire materialmente coperte, vestiti, articoli per l’igiene e altri materiali per i rifugiati. Tutta la nostra efficiente vasta rete organizzativa sta preparando e consegnando 4 milioni di donazioni di forniture di beni di prima necessità. Lo ha affermato un portavoce della comunicazione di Amazon.

Per Amazon le persone bisognose al primo posto

“Il lancio di questo hub in meno di 10 giorni è stato caratterizzato da un enorme lavoro di squadra ed è gratificante vedere la quantità di beni di prima necessità che già ci arrivano e presto prenderanno la strada che li conduce verso queste persone bisognose”.

Lo ha scritto Amazon in suo post sul blog ufficiale dell’azienda.

Donazioni da tutto il mondo

“Siamo grati ai nostri clienti per la loro generosità, ai nostri team e ai nostri partner per il loro lavoro. E non possiamo che essere grati alla loro dedizione nel supportare i rifugiati in questo momento così critico. Sappiamo che questo sarà uno sforzo a lungo termine, finché sarà necessario noi ci saremo. Faremo la nostra parte e non faremo mancare il nostro supporto”.

Man mano che le donazioni arrivano alla rete di strutture di Amazon in Europa, l’azienda le spedisce all’hub in Slovacchia. 

L’area più grande che Amazon abbia mai allestito per iniziative di questo tipo

L’hub è il più grande che Amazon abbia mai allestito di questo tipo.

Soprattutto è stato integrato interamente all’interno del sistema logistico del colosso dell’ecommerce. Tutto questo allo scopo di cercare di recapitare nel modo più veloce ed efficiente possibile gli aiuti alle organizzazioni che stanno lavorando in prima linea.

Anche Save the Children e Croce Rossa in prima linea

Da lì, le donazioni vengono distribuite ai rifugiati attraverso la collaborazione con Save the Children e la Federazione Internazionale della Croce Rossa.

L’hub ha lo scopo di “accelerare il movimento dei soccorsi” attraverso nazioni limitrofe all’Ucraina. Tanti sono i Paesi che dal primo momento dell’atroce conflitto non hanno fatto mancare il loro supporto al Governo di Kiev, quali Polonia, Ungheria, Slovacchia, Romania, Moldova e Repubblica Ceca, ha affermato Amazon.

C’è di tutto: articoli per la cura della persona, coperte, abbigliamento e altri prodotti di prima necessità. Un team di esperti, che segue l’andamento del conflitto, cerca di capire cosa serve e cerca di procurarsi gli oggetti mancanti.

Parola d’ordine: sostenere le migliaia di profughi che affollano la Vecchia Europa

Mano a mano che questi prodotti arrivano alla rete europea il team di Amazon Transportation Services spedisce questi prodotti dai vari centri logistici al nuovo hub. Qui Slovacchia è stato allestito lo spazio di raccolta dedicato alla gestione delle attività di soccorso.