Biden stima $5 miliardi di entrate nel 2023 dall’applicazione di nuove regole sulla dichiarazione dei redditi in criptovalute.

Il presidente ha rilasciato lunedì una proposta di bilancio dettagliata.

La proposta di bilancio del 2023 del presidente Biden suggerisce l’applicazione di diverse regole contabili e fiscali alle risorse digitali.

dichairazioen redditi bitcoin tasse criptovalute

In questo modo, afferma l’amministrazione, si potrebbero generare entrate per 11 miliardi di dollari in un decennio.

Biden e la dichiarazione dei redditi in criptovalute: facciamo chiarezza

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha presentato ieri la sua proposta sul budget per l’anno fiscale 2023 insieme alle Revenue Explanation del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti. Secondo la stima dell’amministrazione, gli Stati Uniti possono raccogliere circa 11 miliardi di dollari di entrate in 10 anni, quasi 5 miliardi di dollari solo l’anno prossimo. Come? “Rendendo moderne le regole” per applicare determinate pratiche di contabilità e rendicontazione finanziaria alle risorse digitali.

Biden prevede $6,6 miliardi di entrate tra gli anni 2023 e 2032 dall’applicazione delle regole mark-to-market alle criptovalute “negoziate attivamente“. Il mark to market è un modo per valutare il valore degli asset che tiene conto delle attuali condizioni di mercato. Questo è in contrasto con l’utilizzo del prezzo di acquisto di un’attività, che può essere superiore o inferiore al suo valore equo di mercato. In breve, è un modo per tassare i guadagni non realizzati, il che significa che aggancia il contribuente quando ETH passa da $3.000 a $4.000, anche se non vende.

Dichiarazione dei redditi in criptovalute: sotto la lente di ingrandimento i conti sugli exchange superiori a $50.000

In secondo luogo, il governo americano cercherà di aumentare le entrate anche in altri modi. I residenti negli Stati Uniti dovranno segnalare eventuali conti offshore superiori a $50.000.

La natura globale del mercato delle risorse digitali offre opportunità ai contribuenti statunitensi di nascondere beni e reddito imponibile utilizzando exchange di risorse digitali offshore e fornitori di portafogli“, afferma il Treasury. Ritiene di poter raccogliere 2,2 miliardi di dollari nel prossimo decennio inasprendo questi controlli.

Infine l’amministrazione vuole che le banche e le istituzioni finanziarie statunitensi condividano le informazioni con l’Internal Revenue Service sul valore delle partecipazioni dei non residenti e dei proprietari stranieri di determinate entità commerciali. Questo ha un impatto anche sui cittadini e sui residenti. Secondo il Treasury “tentano di evitare la dichiarazione dei redditi negli Stati Uniti creando entità attraverso le quali possono agire“.

Scrive il Treasury: “Vogliamo combattere il potenziale utilizzo delle risorse digitali per l’evasione fiscale. Per farlo, bisogna segnalare informazioni di terze parti. Questo è fondamentale per identificare i contribuenti e rafforzare la conformità fiscale volontaria“. L’amministrazione prevede 2 miliardi di dollari di entrate aggiuntive in 10 anni dall’applicazione di questa misura.

Gli investitori andranno sempre nella direzione dei migliori rendimenti

L’amministrazione sta cercando di cambiare molte cose in questi giorni. Ritiene che i prestiti in cripto debbanoo seguire le stesse regole degli altri mercati di prestito, in cui i trasferimenti di titoli in genere non sono soggetti a guadagni o perdite.

I prodotti di prestito in criptovalute hanno attratto i clienti pagando rendimenti molto più elevati rispetto ai tassi di interesse standard delle banche. Le autorità di regolamentazione dei titoli federali e statali hanno criticato tale pratica. Ma c’è poco da criticare, gli investitori si muoveranno sempre verso i rendimenti migliori.

In questa fase abbiamo solo delle proposte che entreranno in vigore il 1 gennaio 2023. Nei prossimi sei mesi circa, il Congresso e l’amministrazione elaboreranno altri dettagli.