Mark Karpeles annuncia il lancio commemorativo di NFT Mt.Gox per gli utenti del defunto exchange. Ecco di cosa si tratta.

L’ex CEO dell’ormai defunto exchange di criptovalute Mt. Gox ha annunciato che alcuni utenti potranno ricevere token commemorativi non fungibili, o NFT.

NFT Mt.Gox

Possedere un Mt. Gox NFT dimostra che sei eri lì nei primi giorni di Bitcoin, e ora puoi dimostrarlo sulla blockchain“, ha affermato il white paper del progetto.

NFT Mt. Gox: ecco cosa sono e come ottenerli

In un annuncio di lunedì su Twitter, Mark Karpelès ha affermato che gli utenti di criptovalute che erano clienti di Mt.Gox tra il 2010 e il 2014 – durante il quale l’exchange è stato hackerato e successivamente ha dichiarato fallimento – potranno registrarsi per richiedere un NFT gratuito. Secondo l’ex CEO, l’offerta si estende agli utenti che avevano un saldo o hanno rivendicato perdite dall’exchange defunto.

Gli utenti di Mt. Gox sono stati i primi ad adottare le criptovalute. Alcuni di loro erano su BitcoinTalk quando Satoshi Nakamoto ancora postava“, ha affermato il sito web del progetto. “Un nuovo token o airdrop di un NFT è un ottimo modo per coinvolgere gli utenti e allo stesso tempo cancellare un po’ della perdita subita a Mt. Gox.

Gli utenti di Mt. Gox sono tenuti a verificare di essere stati clienti dell’exchange, e che hanno registrato account prima del 25 febbraio 2014. Gli NFT saranno conformi a ERC-721, emessi sulla blockchain di Polygon e identificati in base al numero del conto Mt.Gox, come così come i loro saldi rimanenti in Bitcoin (BTC) e yen giapponesi, sebbene sia facoltativo includere il saldo .

Un limite impedirà la creazione di qualsiasi NFT al di fuori della portata degli account Mt. Gox. Questo metodo di creazione non avrà limitazioni solo per il proprietario, ma richiederà invece l’emissione di un token firmato esternamente agli utenti che hanno completato la verifica“.

NFT Mt.Gox: una vecchia leggenda nel mondo delle criptovalute

Lanciato per la prima volta nel 2010 dal programmatore Jed McCaleb e successivamente acquistato da Karpelès, Mt. Gox era un tempo uno dei più grandi exchange al mondo. Tuttavia, un hack del 2011 ha comportato la perdita di 850.000 BTC, ovvero $460 milioni all’epoca e circa troppi soldi nel momento in cui scrivo. Questo ha portato all’inevitabile crollo dell’exchange, ed ha lasciato senza fondi migliaia di detentori di criptovalute.

Nobuaki Kobayashi, il fiduciario di Mt. Gox, ha lavorato per anni per risarcire i creditori dell’exchange, annunciando nel novembre 2021 che un piano di riabilitazione depositato presso il tribunale distrettuale di Tokyo era diventato “definitivo e vincolante”. Tuttavia, secondo il sito web commemorativo degli NFT Mt.Gox, questi token sono “completamente indipendenti” dal caso di fallimento di Mt. Gox e “autofinanziate al 100%“.

Sebbene gli NFT Mt.Gox annunciati di recente siano apparentemente gli unici “ufficiali” dal crollo di Mt. Gox, alcuni utenti di criptovalute si sono attaccati alla controversia che circonda l’hacking e il fallimento dell’exchange dal 2014.

Una delle carte di Spells of Genesis, un gioco basato su blockchain con carte collezionabili, raffigura una foto del trader di criptovalute Kolin Burges che protestava fuori dal quartier generale dell’exchange a Tokyo nel 2014 con un cartello che chiedeva “Dove sono i nostri soldi?” Il gioco ha emesso 700 carte “Gox, the Fallen Mountainlord” nel 2015.

Il white paper del progetto afferma che gli NFT potranno essere modificati anche dopo essere stati venduti, e accenna ad altri casi d’uso:

Possedere un NFT Mt. Gox dimostra che eri lì agli albori di Bitcoin e ora puoi dimostrarlo sulla blockchain. Sarà possibile sfruttare questi token in futuro in modi che non sono ancora noti“.