Il parlamento russo ha adottato, negli ultimi giorni, una nuova legge che obbliga le persone in corsa per una carica politica a rivelare “informazioni sensibili” sulle loro disponibilità di risorse digitali.

La legislazione modificherà una serie di atti che verranno applicati ai candidati presidenziali e parlamentari, nonché ai funzionari del governo.

Russia e le criptovalute
Russia e le criptovalute: una nuova legge obbliga a dichiarare le proprie risorse digitali

I politici russi avranno l’obbligo di rivelare e quantificare i loro fondi in criptovaluta prima delle elezioni

I membri della Duma di Stato, la camera bassa del parlamento russo, hanno approvato, negli ultimi giorni, una legge in base alla quale i partecipanti alle elezioni dovranno dichiarare le proprie risorse in criptovalute.

La Russia apre alle valute digitali ma dichiara anche apertamente guerra alla corruzione

Questa nuova serie di normative richiede che i candidati in corsa condividano i dati sulla loro spesa per l’acquisizione di risorse finanziarie digitali e valuta digitale. Lo ha ha riferito mercoledì scorso il quotidiano Moskovsky Komsomolets.

La nuova legislazione sulle criptovalute apre scenari impensabili in Russia

La nuova legislazione introdurrà varie modifiche tra cui le leggi sull’elezione del Presidente della Federazione Russa, i deputati alla Duma, i membri del Consiglio della Federazione, la camera alta del parlamento, nonché quelle che disciplinano la formazione del potere politico partiti e gli sforzi per combattere la corruzione.

Coinvolte anche le famiglie dei candidati

L’obbligo di divulgare le informazioni finanziarie si applicherà non solo ai candidati ma anche ai loro coniugi e figli.

La Russia e la criptovalute: una situazione controversa

Tutti avranno l’obbligo di dichiarare ogni transazione relativa all’acquisto di criptovalute negli ultimi tre anni, se l’importo supera il reddito totale della famiglia del triennio precedente l’acquisizione.

Ci si aspetta inoltre che indichino con chiarezza le fonti dei fondi utilizzati per tali operazioni.

La nuova normativa entrerà in vigore dieci giorni dopo la sua pubblicazione, osserva il rapporto.

Guerra aperta ai fondi ottenuti illegalmente, anche digitali

La sua adozione arriva dopo che i legislatori hanno approvato un’altra legge a febbraio, consentendo allo stato russo di chiedere il sequestro di fondi ottenuti illegalmente da funzionari, comprese le risorse digitali.

Gli emendamenti legislativi seguono l’ordine dello scorso anno, emanato del presidente Vladimir Putin, di controllare i funzionari con partecipazioni in criptovalute.

Russia: le novità messe in atto dalla Banca Centrale sulle criptovalute non sono esenti da rigide regole

Diversi ministeri e la Banca centrale russa (CBR) sono stati incaricati di verificare le informazioni fornite dai dipendenti del governo sulle loro dichiarazioni dei redditi.

Il governo federale di Mosca ha messo in atto un nuovo piano per combattere la corruzione tra i funzionari.

Nel 2020, il presidente russo ha firmato un ordine che obbligava i dipendenti del governo e i candidati a cariche pubbliche a dichiarare le criptovalute in loro possesso.

Tra le crescenti sanzioni finanziarie per la guerra in Ucraina, la Russia ha adottato misure per regolamentare il suo spazio crittografico.

Mentre la CBR ha proposto un divieto totale di criptovalute a gennaio, il conflitto ha cambiato la situazione e recenti dichiarazioni alla Duma hanno rivelato l‘interesse della Russia nell’utilizzare le criptovalute per ripristinare il suo accesso al mercato finanziario globale.

Russia: il nuovo disegno di legge sulla valuta digitale

A febbraio, il ministero delle Finanze ha presentato un nuovo disegno di legge “Sulla valuta digitale” che mira a legalizzare le operazioni crittografiche nel paese invece di imporre severe restrizioni.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

La maggior parte delle altre istituzioni e autorità di regolamentazione russe, compreso il governo federale, ora sostiene l’approccio del dipartimento che favorisce la regolamentazione sotto stretta supervisione.