La Securities and Exchange Commission (SEC) sta finalmente esaminando più da vicino gli NFT. Forse è anche questa la ragione del calo vertiginoso?

La Commissione di Vigilanza statunitense sugli scambi della borsa valori ha ufficialmente avviato la sua azione di super controllo e vigilanza sul complesso mondo degli Nft. E tutto questo, di certo, non aiuta un mercato che sembra davvero lontano dai fasti dello scorso gennaio.

Sec: l'agenzia di vigilanza americana sulle borse prende di mira gli Nft
L’attività della Sec potrebbe avere inibito il mercato degli Nft?

La Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti ha puntato il dito su alcune dinamiche poco trasparenti relative al mercato degli NFT (non-fungible tokens). Insomma siamo di fronte, palesemente, a nuovo capitolo della linea dura nei confronti dei progetti crypto intrapresa dal presidente Gary Gensler.

Con una mossa astuta legata ad una serrata attività di indagini, la SEC, ha iniziato a inviare, da tempo, richieste dettagliate di informazioni su progetti che includono token non fungibili (NFT), in particolare quelli che puntano a frazionare qualsiasi cosa, dalle belle arti, agli immobili, ad altri NFT più preziosi. Lo ha riferito, negli ultimi giorni, il portale specializzato di economia e finanza Bloomberg.

In sostanza, al momento, secondo la SEC, gli NFT vengono utilizzati per raccogliere denaro, come se fossero titoli tradizionali, e questo rappresenterebbe secondo la Sec una violazione bella e buona.

Il boom degli Nft e l’azione di controllo della SEC che era già nell’aria

Gli NFT sono un tipo di criptovaluta che può contenere un file multimediale come video, immagini o dati, che non può essere modificato una volta coniato. Poiché sono registrati su una blockchain, forniscono anche una prova effettiva di provenienza, una certificazione di proprietà a autenticità.

Cosa accade con gli “Nft frazionati”

L’uso della criptovaluta per svendere frazioni di un oggetto più prezioso è stato per anni un argomento di interesse e investimento nel settore delle cripto, e ciò è avvenuto molto tempo addietro, molto di più del periodo di attyale sistenza effettiva degli NFT, usati come token di gioco, come è accaduto con CryptoKitties.

Il passo decisivo e il boom degli Nft

Il passo decisivo da compiere, messo in atto con gli Nft, era ben noto. Ovvero quello che avrebbe consentito alle persone di acquistare parti di beni più costosi, il cui prezzo generalmente andava ben di là delle possibilità a disposizione degli investitori medi.

Ci siamo trovati di fronte agli immobili commerciali frazionati – un hotel è stato il primo a provarlo nel 2018, e all’arte stessa frazionata.

La SEC aspettava solo il momento giusto per agire contro gli Nft

L’azione “inquisitoria” dell’agenzia era qualcosa che ci si attendeva da tempo, sulla scia delle indagini normative iniziate nel 2017 contro le offerte iniziali di monete (ICO), in cui gli sviluppatori di criptovalute hanno venduto token per finanziare lo sviluppo di progetti blockchain su cui sarebbero stati utilizzati gli asset digitali. Gli ICO, così, sono quasi scomparsi dall’industria delle criptovalute.

Il rigido modus operandi della SEC

Più di recente, l’agenzia ha bloccato $ 100 milioni di transazioni, all’interno delle quali lo scambio di criptovalute BlockFi avrebbe violato le normative sui titoli, non registrando i conti degli investitori fruttiferi utilizzati per finanziare i servizi di prestito, segnalando in tal senso un altro passo in avanti del suo severo modo di agire.

Per ora solo avvertimenti ma i colpi di mannaia sono vicini

Nel marzo 2021, il commissario SEC Hester Peirce, noto come “Crypto Mom” ​​nel settore delle criptovalute, ha reso noto che alcuni NFT probabilmente rientravano nella sfera di “competenza” dell’azione di vigilanza dell’agenzia.

Un NFT, che a differenza di un Bitcoin non è una valuta, rischierebbe quindi di essere inquadrato nella categoria delle “securities”, ovvero un “titolo”, o ancora più semplicemente uno strumento finanziario negoziabile, come potrebbe esserlo un’azione di una società o un’obbligazione di un governo. 

Peirce ha affermato che  gli NFT non sono fungibili, il che significa che ognuno è diverso dagli altri, ed è quindi “meno probabile” che siano titoli rispetto ad altre criptovalute.

Ma ha aggiunto che “le persone sono molto creative nei tipi di NFT che stanno pubblicando”.

Ha affermato ancora che “la definizione di sicurezza può essere piuttosto varia”. Inoltre ha detto agli sviluppatori di “fare attenzione a non creare qualcosa che sia un prodotto di investimento”.

Aggiungendo che alcuni progetti NFT “sollevano lo stesso tipo di domande sollevate dalle ICO”, Peirce ha anche avvertito gli investitori di badare bene a informarsi prima di investire in questi prodotti.

Ci sono stati alcuni esempi di alto frazionamento degli NFT che ha insospettito e non è affatto piaciuto alla Sec.

È infatti sotto accusa quel fenomeno che vede un NFT venir diviso in più parti (anche detto NFT frazionario), determinando la proprietà collettiva di un singolo bene digitale, sia esso un’opera d’arte o un elemento qualsiasi.

Tutto cominciò con la super vendita di Christie’s

In particolare, l’offerta vincente di 6,9 milioni di dollari di Christie’s per il collage NFT “Everydays: The First 5,000 Days è stata messa in atto da un collezionista di NFT noto come MetaKovan, che in seguito si è rivelato essere un sostenitore della blockchain e un angelo investitore, ovvero Vignesh Sundaresan. Ha acquistato l’opera per conto di un fondo NFT, Metapurse.

Nel gennaio 2021, due mesi prima, Metapurse ha frazionato e venduto un altro gruppo di opere d’arte del creatore di “Everydays” Mike “Beeple” Winkelmann che ha chiamato The Beeple 20 Collection. Ha creato 10 milioni di token B.20, vendendone il 23% per circa 1,4 milioni di dollari.

Ciò suggerisce che l’interesse per gli NFT di Beeple non era così alto prima dell’asta di Christie’s.

Da gennaio tante super vendite di Nft vanno però a vuoto, ci sarà un nesso?

Una vendita simbolica di “Everydays” che molti si aspettavano non si è concretizzata, quindi forse davvero il boom sta svanendo. Le vendite di NFT, infatti, sono diminuite del 40%, scendendo a 2,6 miliardi di dollari, a febbraio.

Un altro sottosegmento della cartolarizzazione NFT sta utilizzando contratti intelligenti per imporre royalties di rivendita che equivalgono a compartecipazione alle entrate, uno strumento popolare tra artisti e altri creatori di NFT da collezione che possono guadagnare una riduzione ogni volta che il loro lavoro viene venduto su mercati secondari.

Il principale scambio di criptovalute, FTX, ha dichiarato a ottobre che non avrebbe venduto NFT con royalties sul suo prossimo scambio NFT, poiché ciò avrebbe trasformato le risorse digitali in titoli, secondo quanto riferito da Decrypt.

Vale la pena notare che la vendita di hotel tokenizzata nel 2018 è stata il St. Regis Aspen Resort in Colorado, i cui proprietari hanno venduto circa il 25% della proprietà di lusso di 179 camere per $ 18 milioni. In particolare, la vendita è stata gestita da Templum, una piattaforma registrata alla SEC per l’emissione e il commercio secondario di attività alternative.