Bitcoin offre una sorta di privacy agli utenti, ma per essere completamente anonimi, dovrai utilizzare strumenti come i Bitcoin mixer.

La blockchain di Bitcoin è interamente pubblica. Vai su un esploratore blockchain e puoi trovare un registro a tenuta stagna di tutte le transazioni Bitcoin mai elaborate dal lancio della criptovaluta all’inizio del 2009.

bitcoin mixer

Per alcuni, questa è una caratteristica fondamentale, non un problema. Ma per coloro che hanno bisogno di un po’ più di anonimato, la natura pubblica della blockchain di Bitcoin è un enorme difetto di privacy.

Esistono modi per mantenere le transazioni Bitcoin completamente private, per oscurare chi invia cosa a chi. Uno dei metodi più popolari è utilizzare un Bitcoin Mixer, noto anche come tumbler. Questi sono strumenti che confondono una quantità di Bitcoin in pool privati ​​prima di sputarli ai destinatari previsti.

Come funziona un Bitcoin Mixer

L’idea è che, mescolando Bitcoin attraverso una scatola nera, è difficile capire che la persona A ha inviato 10 Bitcoin alla persona B. Tutto ciò che un esploratore pubblico mostrerà è che quella persona A ha inviato dei Bitcoin a un mixer, come hanno fatto una dozzina di altre persone, e quella persona B ha ricevuto dei Bitcoin da un mixer, così come una dozzina di altre persone.

Mixer centralizzati vs. decentralizzati

Esistono due tipi principali di Bitcoin Mixer:

Mixer centralizzati: come Blender.io

Mixer decentralizzati: come Wasabi

I mixer centralizzati sono aziende che accetteranno i tuoi Bitcoin e rispediranno Bitcoin diversi a pagamento. Sebbene offrano una soluzione semplice per far cadere Bitcoin, rappresentano anche una sfida per la privacy, poiché mentre i collegamenti tra Bitcoin “in entrata” e “in uscita” non saranno pubblici, il mixer stesso avrà comunque un record che collega le transazioni. Ciò significa che in futuro la società potrebbe rinunciare a quei record e rivelare una connessione degli utenti alle monete.

I mixer decentralizzati utilizzano protocolli come CoinJoin per oscurare completamente le transazioni tramite un metodo coordinato o peer-to-peer. Fondamentalmente, il protocollo consente a un grande gruppo di utenti di unire una quantità di Bitcoin (cioè 100 persone vogliono mescolare 1 Bitcoin a testa) e poi ridistribuirla in modo che tutti ricevano 1 Bitcoin, ma nessuno può dire chi ha ottenuto cosa o dove venire da.

Problemi con l’uso dei mixer

I mixer non sono privi di difetti. È improbabile che qualcun altro nel mixer abbia inviato la quantità esatta di Bitcoin come te, meno la commissione del bicchiere. Se un’agenzia delle forze dell’ordine conosce l’indirizzo utilizzato dal suo primo sospettato e se il secondo sospettato è l’unico ad aver ricevuto un po’ meno di un importo specifico, non sarà troppo difficile ricollegare il flusso di denaro. Questo problema diventa più difficile da risolvere più persone usano il mixer.

Alcuni exchange non consentono ai Bitcoin misti di entrare o uscire dagli exchange. Poiché gli exchange possono identificare i mixer, etichettano i Bitcoin misti “contaminati”. Binance, ad esempio, ha bloccato i prelievi su Wasabi, un portafoglio Bitcoin che preserva la privacy che integra un popolare servizio di mixaggio chiamato CoinJoin.

È importante notare che non tutti i servizi di missaggio sono legittimi e alcuni sono molto meno efficaci nell’oscurare le transazioni finanziarie rispetto ad altri. Assicurati di fare le tue ricerche prima di usare un mixer.

I Bitcoin Mixer sono illegali?

La capacità di offuscare le transazioni Bitcoin rende i mixer un ovvio focolaio per il riciclaggio di denaro, attirando evasori fiscali e criminali interessati a nascondere i proventi di attività illegali.

La questione se l’utilizzo di questi servizi sia illegale dipende dalla giurisdizione in cui risiedi. Nel febbraio 2021, l’allora U.S.A. Il vice procuratore generale Brian Benczkowski ha affermato che l’utilizzo di mixer per nascondere le transazioni crittografiche “è un crimine”.

Due mesi dopo, le autorità statunitensi hanno arrestato Roman Sterlingov, alias il fondatore russo-svedese del servizio di Bitcoin “Bitcoin Fog”, per aver aiutato le persone a riciclare 335 milioni di dollari. Nell’agosto 2021, Larry Harmon, il proprietario di un Bitcoin Mixer chiamato Helix, si è dichiarato colpevole di aver aiutato i criminali del mercato darknet a riciclare circa 300 milioni di dollari.

Nuove regole antiriciclaggio, come la “regola di viaggio” della Financial Action Task Force e la direttiva AMLD-5 dell’Unione Europea, renderanno più difficile il riciclaggio di denaro e potrebbero rendere i mixer di Bitcoin meno praticabili per le persone che vogliono entrare a far parte della più ampia economia crittografica, il tipo che si basa sugli exchange popolari che accettano le tue monete.

Alternative ai Bitcoin Mixer

Un Bitcoin Mixer non è l’unico modo per nascondere il flusso delle transazioni Bitcoin.

Dopo gli hack, i criminali spesso sottraggono fondi attraverso molti exchange utilizzando account creati con identità acquistate o rubate a buon mercato. Questo metodo, noto come chain-hopping, si basa sul fatto che le forze dell’ordine impiegano molto tempo per costringere gli exchange a chiudere gli account; inoltre, è difficile per gli exchange in primo luogo individuare account ingannevoli se sono già passati attraverso procedure di conoscenza del cliente (KYC).

I sostenitori della privacy sostengono metodi come le privacy coin sono un modo efficace per impedire al governo di curiosare nelle tue transazioni finanziarie, affermando che non sono solo per i criminali. Per oscurare il flusso di fondi, Monero utilizza indirizzi “stealth” monouso e mescola firme di transazioni autentiche con esche. Mentre uno dei primi grandi mercati del dark web, Silk Road, aveva un mixer di Bitcoin integrato nella sua infrastruttura, l’ex mercato darknet White House Market, noto per la sua sicurezza, ha accettato solo Monero.

In alternativa, Zcash offre transazioni private opzionali che si basano su prove a conoscenza zero, che non condividono le informazioni sulle transazioni. Le opzioni di transazioni private di Dash funzionano un po’ come CoinJoin.