La proposta di limitare le criptovalute Proof-of-Work torna sul tavolo mentre il Parlamento europeo prepara il voto sulle valute virtuali.

Una disposizione che mira a costringere le criptovalute proof-of-work come Bitcoin a passare al meccanismo di consenso proof-of-stake più rispettoso dell’ambiente è in una bozza del MiCA in attesa di votazione parlamentare lunedì.

europa voto proof of work parlamento bitcoin ban pow

Il metodo proof-of-work è il meccanismo di consenso ad alta intensità energetica che è alla base delle criptovalute popolari come Bitcoin ed Ether. Il processo di elaborazione è stato oggetto di un attento esame da parte dei legislatori dell’UE per questioni energetiche.

Il quadro legislativo UE, il MiCA

L’ultima bozza del quadro legislativo proposto dall’Unione Europea (UE) per la regolamentazione delle valute virtuali, Markets in Crypto Assets (MiCA), contiene ancora una disposizione che potrebbe limitare l’uso di criptovalute proof-of-work.

Una precedente bozza del framework MiCA conteneva una disposizione fortemente formulata che proponeva un divieto di servizi crittografici che si basano su meccanismi di consenso non sostenibili dal punto di vista ambientale a partire da gennaio 2025. Ma la disposizione è stata successivamente eliminata in seguito al contraccolpo del settore.

Il parlamentare Ue incaricato del quadro legislativo del MiCA, il dott. Stefan Berger, ha affermato all’epoca che il paragrafo in questione era stato rimosso, ma che non era stata ancora presa una decisione definitiva.

Una nuova bozza fornita dal Parlamento europeo

Una versione della nuova bozza, rivista da CoinDesk, ha una disposizione simile sebbene notevolmente attenuata rispetto all’originale. Dice che le criptovalute “saranno soggette a standard minimi di sostenibilità ambientale rispetto al loro meccanismo di consenso utilizzato per convalidare le transazioni, prima di essere emesse, offerte o ammesse alla negoziazione nell’Unione”.

Se un meccanismo di consenso proof-of-work opera su piccola scala, è esentato dal dover soddisfare gli standard di sostenibilità, secondo la disposizione. Ciò che si qualifica come un’operazione su piccola scala deve ancora essere determinato.

Afferma inoltre che le criptovalute ad alta intensità energetica che sono già in uso nell’UE prima dell’entrata in vigore della legislazione, dovranno “impostare e mantenere un piano di implementazione graduale per garantire il rispetto di tali requisiti”, come specificato in un’altra parte del struttura.

Un’altra versione del provvedimento, ammorbidirebbe ulteriormente il linguaggio. Tuttavia, si ritiene che la versione più forte abbia molto sostegno tra i parlamentari.

La spinta delle criptovalute all’energia rinnovabile

Sebbene ci siano piani per spostare Ethereum dal proof-of-work a un meccanismo di consenso a minor consumo energetico chiamato proof-of-stake, non è chiaro come Bitcoin, la più grande criptovaluta globale per volume scambiato, possa passare dal proof-of-work . Quindi, anche se negli ultimi tempi c’è stata un’enorme spinta a utilizzare l’energia rinnovabile nel mining di bitcoin, l’industria è ancora molto dipendente dalle fonti energetiche tradizionali, rendendo così la criptovaluta potenzialmente vulnerabile sotto una pressione sempre più forte.

La comunità delle criptovalute ha reagito rapidamente, con alcuni che hanno invitato i cittadini dell’UE a contattare i loro parlamentari per opporsi alla misura.

Ledger, un fornitore di portafogli hardware crittografici, ha rilasciato una dichiarazione in cui afferma:

“Gli individui e le organizzazioni dovrebbero essere liberi di scegliere la tecnologia più adatta alle loro esigenze. I responsabili politici non dovrebbero né imporre né discriminare a favore di una particolare tecnologia. Questo è profondamente preoccupante e avrebbe gravi conseguenze per l’Europa.”

Pierre Person, un legislatore a Parigi e membro della Commissione di legge, ha condannato il linguaggio appena aggiunto in un ampio thread su Twitter. In esso, ha affrontato l’impatto che tale regolamentazione avrebbe sulla competitività europea nel crescente ecosistema crittografico.

E’ il primo passo per la regolamentazione delle criptovalute? Il 14 marzo il parlamento dell’UE voterà sull’ultima bozza del MiCA.