Il voto del Parlamento europeo potrebbe imporre un divieto sull’uso di Bitcoin e criptovalute in Europa. Ecco cosa sta succedendo.

Crescono i timori che le principali criptovalute come Bitcoin ed Ethereum possano essere bandite in Europa. Lunedì, il Parlamento europeo voterà sui mercati delle criptovalute. L’obiettivo è definire un quadro legislativo per le monete digitali noto come MiCA in breve.

europa voto proof of work parlamento bitcoin ban pow

La disposizione per bandire le blockchain Proof-of-Work è già stata eliminata da questo disegno di legge. Tuttavia sembra essere apparsa di nuovo con una formulazione diversa. Vediamo bene cosa può succedere.

Clamoroso: voto in corso imporre un divieto su Bitcoin e criptovalute

Le blockchain hanno il compito di soddisfare gli “standard minimi di sostenibilità ambientale prima di essere emesse, offerte o ammesse al commercio nell’Unione Europea, un enorme blocco di 27 stati membri.

Sebbene Ethereum sia attualmente alle prese con la transizione verso un meccanismo di consenso più ecologico noto come Proof-of-Stake, si teme che la natura decentralizzata di Bitcoin renda impossibile la conformità. Questa disposizione all’interno di MiCA è stata fortemente condannata.

Divieto di usare le criptovalute: Ledger è furibondo

Il noto produttore di portafogli hardware Ledger ha accusato alcune parti di aver apportato modifiche dell’ultimo minuto. Successivamente ha lanciato un ultimatum al parlamento:

Accetta il divieto di Bitcoin e noi ci opporremo all’intero pacchetto MiCA

Ledger non le ha di certo mandate a dire, e venerdì ha aggiunto:

Gli individui e le organizzazioni dovrebbero essere liberi di scegliere la tecnologia più adatta alle loro esigenze. I responsabili politici non dovrebbero né imporre né discriminare una particolare tecnologia. Questo è profondamente preoccupante e avrebbe gravi conseguenze per l’Europa“.

Ledger ha aggiunto che MiCA invierebbe onde d’urto all’intero settore delle criptovalute, facendo svanire l’economia delle risorse digitali “innovativa e in crescita” del continente:

“Senza Bitcoin ed Ethereum, gli exchange e altri fornitori di servizi crittografici non potrebbero operare in modo redditizio. Saranno costretti a chiudere, spostare o bloccare l’accesso agli europei. I protocolli DeFi non saranno in grado di servire legalmente gli europei. Sia chiaro, questa attività non si fermerà, si sposterà semplicemente negli Stati Uniti o in Asia, dove è attualmente accolta”.

La società fondata in Francia ha affermato che questa disposizione danneggerebbe oltremodo i consumatori europei. Questo perché coloro che rimangono determinati ad acquistare Bitcoin sarebbero costretti a utilizzare piattaforme straniere con una supervisione normativa minima o nulla:

A causa della natura delle risorse digitali, anche se queste saranno ‘vietate’, rimarranno comunque disponibili in Europa, ma non su piattaforme UE sicure e regolamentate“.

Ledger ha continuato esortando gli investitori in criptovalute in Europa a mettersi in contatto con i loro eurodeputati. Questo per far sentire la propria voce riguardo un eventuale divieto di Bitcoin.

Questo divieto ucciderebbe la competitività dell’Europa nel settore criptovalute

Alcuni politici europei, tra cui il parlamentare francese Pierre Person, hanno avvertito che questa disposizione del MiCA “condanna definitivamente il futuro delle criptovalute in Europa“. Ha continuato descrivendo questo atteggiamento come “letale” e ha scritto in un tweet:

Il problema non è il consumo energetico di Bitcoin, ma l’origine di questa energia. Sarebbe più rilevante vietare l’estrazione mineraria da energie fossili e promuovere coloro che si rivolgono all’energia rinnovabile in eccesso per migliorare la redditività di questi mezzi di produzione“.

Person ha proseguito avvertendo che il Parlamento europeo “sta trasponendo la regolamentazione finanziaria del vecchio mondo a una nuova tecnologia strutturalmente diversa“. In questo modo ha affermato che l’UE soffrirà in termini di competitività e di servizio al pubblico:

I deputati hanno adottato una linea dura sulle criptovalute, pensando di proteggere in questo modo i cittadini. In realtà, questa versione è mortificante per la nostra competitività. Pensiamo che in questi giorni il presidente Biden ha firmato un atto che chiede agli Stati Uniti di abbracciare pienamente questo nuovo ecosistema.