Durante gli inizi “dell’era del bitcoin”, un utente poteva scegliere tra la sicurezza del portafoglio hardware e la comodità d’uso, seppur rischiosa, del portafoglio on line.

Non è facile, per un inesperto di new economy e tanto più di criptovalute, comprendere in poco tempo cosa sia un blockchain.

Jack Dorsey
Jack Dorsey e il suo portafoglio Block

In poche parole potremmo affermare che sin dalla sua nascita, i creatori del bitcoin si sono posti il problema di come “conservare” il denaro digitale. Soprattutto occorreva, dal primo momento, nei “meandri della rete”, evitare brutte sorprese.

Un mercato libero, un sistema libero, una moneta libera: tante luci in questo “nuovo mondo” della finanza, ma anche tante ombre.

Nexo: come ricevere 25$ in Bitcoin e mettere a rendita le criptovalute ai migliori tassi

Parole d’ordine: proteggere le cripto

L’utente poteva, da subito, avvalersi dell’aiuto di portafoglio online che fornivano facilità d’uso, ma non erano completamente sicuri.

Oppure aveva la possibilità scegliere portafoglio hardware, quindi veri e propri programmi  che, di certo più costosi, fornivano, a quel tempo, sicurezza, ma non erano molto facili da usare.

La rivoluzione del nuovo portafoglio hardware

Ma i portafoglio hardware, oggi, non c’è dubbio, si stanno evolvendo e cercano di trovare il giusto equilibrio tra sicurezza, praticità d’uso e altri vantaggi.

Il sistema Block ideato da Jack Dorsey: il nuovo portafoglio per le criptovalute

Il sistema “Block” di Jack Dorsey si sta concentrando su questi aspetti per creare un portafoglio hardware di auto-custodia.

Jesse Dorogusker, capo dell’hardware di Block, ha confermato questi aspetti in un tweet, affermando: “Abbiamo deciso di costruire un portafoglio hardware e un servizio per rendere la custodia dei bitcoin più mainstream”.

Parola di quel genio di Nick Slaney

L’ingegnere di progettazione del prodotto, Nick Slaney, ha affermato, di recente, sui social, che non si tratta solo un portafoglio a custodia personale, ma molto di più.

Il suo recente tweet diceva: “Jack ha iniziato a chiamare con il nome Block ciò su cui stiamo lavorando, ovvero un nuovo modello di portafoglio hardware, ma anche se stiamo sviluppando un dispositivo hardware, il nome gli rende a malapena giustizia. È molto di più”.

Esistono oggi principalmente due tipi di portafogli: portafogli ospitati e portafogli di custodia personale o non custodia, che includono anche portafogli hardware. Puoi scegliere quello giusto a seconda delle tue esigenze.

I portafogli che crei su siti Web di scambio come WazirX e CoinDCX sono portafogli di custodia, ciò significa che la tua criptovaluta è detenuta e gestita dallo scambio. Questi portafogli non memorizzano la tua chiave privata, necessaria per avviare e approvare le tue transazioni. Inoltre, questi wallet sono anche collegati alla rete blockchain 24×7 (hot storage), rendendoli così vulnerabili ad attacchi informatici e furti.

Carta Visa Crypto.com: Cashback fino all’8%, Netflix e Spotify GRATIS, come richiederla

Il portafoglio di autocustodia

I portafogli di autocustodia o non di custodia differiscono nelle operazioni da altri portafogli crittografici. I portafogli non di custodia ti consentono di archiviare la chiave privata, dandoti così il controllo completo delle tue risorse digitali e criptovalute. 

Sei in pratica l’unico responsabile della sua conservazione e della protezione della tua chiave privata.

Cosa è esattamente un portafoglio hardware?

I portafogli hardware sono portafogli non di custodia che coinvolgono un dispositivo fisico, come una pen drive per archiviare la tua chiave privata offline (archiviazione a freddo) e sono quindi impermeabili a hack e attacchi informatici. Questi portafogli ti consentono anche di prestare, prendere in prestito e scambiare risorse crittografiche più facilmente.

Controllare i propri pagamenti in modo sicuro

I portafogli hardware sono collegati a un’applicazione su mobile, web o desktop attraverso la quale puoi monitorare le tue transazioni bitcoin. 

La chiave privata è memorizzata in questo portafoglio hardware e ogni volta che si desidera confermare un pagamento, la transazione viene eseguita all’interno del portafoglio hardware e quindi i dettagli di completamento della transazione vengono inviati all’app.

Cosa rende unico il portafoglio di auto-custodia Block di Jack Dorsey?

Block afferma che sta combinando molteplici aspetti della gestione delle criptovalute in un’unica soluzione completa.

Nick Slaney sostiene che stanno combinando la sicurezza delle celle frigorifere, la tranquillità della custodia condivisa e la comodità di un’app di custodia in un’unica soluzione facile da usare che ti dà il controllo delle tue chiavi (e per estensione la tua sicurezza finanziaria).

Secondo Jesse Dorogusker, i punti nodali dello sviluppo del prodotto possono essere riassunti in quattro punti dai quali possiamo trarre alcune deduzioni di base.

Iscriviti subito ad FTX con questo link per avere uno sconto sulle commissioni per sempre

Le caratteristiche principali del sistema Block

  • Bitcoin first – Significa che l’attenzione di Block vira oggi su un portafoglio di auto-custodia specifico per Bitcoin. Tuttavia, con ogni probabilità, sarà utile anche per archiviare altre criptovalute.
  • Distribuzione globale – Sarà disponibile anche nei paesi in via di sviluppo.
  • Nativamente multisig” – Per ottenere “l’autocustodia assistita” – Firme multiple autorizzano le transazioni, il che significa che più persone possono condividere la custodia. (Migliora la sicurezza in quanto non esiste un singolo punto di errore nel caso in cui una persona smarrisca la chiave privata e perda per sempre l’accesso alle risorse crittografiche). In questo caso avremo tre chiavi: una nel portafoglio hardware, una nell’applicazione mobile e una nei server di Square, protetti dalla stessa sicurezza di livello mondiale che portiamo al resto del nostro ecosistema.
  • Priorità all’uso mobile: consentirà la gestione delle criptovalute in movimento.

Il prodotto finale dovrebbe essere conveniente, altamente sicuro e facile da usare. Il risultato finale sarà un prodotto che consentirà a chiunque di custodire le proprie chiavi in modo facile e sicuro, rendendo la detenzione e le transazioni il più intuitive possibile e aprendo il futuro della sovranità finanziaria a un pubblico molto più ampio. Così si legge in un altro tweet di Slaney.