Yoon Suk-yeol, da sempre sostenitore delle criptovalute e degli NFT, vince le elezioni in Corea del Sud. Sarà rivoluzione?

Yoon Suk-yeol vince le elezioni in Corea del Sud e diventa presidente. Le ICO (Initial Coin Offering) potrebbero tornare alla ribalta nel paese asiatico. Questo è solo uno dei possibili scenari sul futuro della Corea del Sud dopo che il candidato cripto-friendly è stato eletto dal popolo.

corea sud bitcoin criptovalute

Per dimostrare di essere esperto nel mondo delle risorse digitali, il 61enne, un ex pubblico ministero, aveva anche pubblicato una raccolta NFT con immagini e video di se stesso. Immergiamoci.

Criptovalute in Corea del Sud: e ora che succede?

Yoon Suk-yeol ha vinto per un soffio sul candidato dell’opposizione di stampo conservatrice. Nella sua campagna ha cercato con successo di corteggiare gli elettori più giovani che hanno abbracciato con entusiasmo le risorse digitali.

Sia lui che Lee Jae-myung, che rappresentava il partito in carica al governo della Corea del Sud, avevano promesso di revocare alcune delle dure misure normative che erano state imposte durante i cinque anni di mandato di Moon Jae-in.

Yoon ha promesso di istituire un nuovo mercato di promozione dell’industria digitale. Questo conferirebbe ai settori delle criptovalute e degli NFT un chiaro insieme di regole da seguire, dando loro un maggiore senso di legittimità e consapevolezza.

Carta Visa Crypto.com: Cashback fino all’8%, Netflix e Spotify GRATIS, come richiederla

Kim Hyoung-joong, ha affermato che le criptovalute sono state un punto focale della campagna politica, soprattutto per convincere gli elettori tra i 20 ei 30 anni. Ha detto a Forkast News:

I nati negli anni ’40, ’50 e ’60 hanno già scelto un candidato e non lo cambieranno così facilmente“.

Le offerte iniziali di monete, note in breve come ICO, sono state piuttosto controverse nel settore delle criptovalute. I nuovi progetti li hanno spesso utilizzati come metodo di raccolta fondi nel 2017 e nel 2018, con poca supervisione normativa. Ma i sondaggi passati su oltre 1.500 ICO hanno concluso che quattro su cinque di questi progetti sono truffe.

Yoon ha affermato di voler impedire che ciò accada di nuovo, garantendo che gli exchange di criptovalute fungessero da intermediari durante qualsiasi ICO. Questo potrà offrire maggiori controlli per verificare la legittimità di un progetto.

Nel tentativo di dimostrare di essere esperto nel mondo delle risorse digitali, il 61enne – un ex pubblico ministero – aveva anche pubblicato una raccolta NFT con immagini e video di se stesso.

Le criptovalute avranno un ruolo da protagoniste nel futuro della Corea del Sud?

La Commissione per i servizi finanziari della Corea del Sud aveva annunciato misure severe l’anno scorso. Da allora tutti gli exchange di criptovalute nel paese devono soddisfare i requisiti di KYC, Know Your Customer pena il blocco delle piattaforme. Le stime suggeriscono che più di 30 piattaforme di trading hanno finito per chiudere i battenti di conseguenza.

Yoon ha criticato queste misure durante un forum sulle risorse virtuali a gennaio, ed è stato citato dall’agenzia di stampa Yonhap, che ha scritto:

Per realizzare il potenziale illimitato del mercato degli asset virtuali, dobbiamo rivedere le normative spesso lontane dalla realtà e irragionevoli. Dobbiamo introdurre un sistema di regolamentazione per garantire che almeno il mercato degli asset virtuali non abbia preoccupazioni“.

Il presidente eletto ha dichiarato di voler aumentare la soglia delle tasse sui profitti. Gli investitori in criptovalute passeranno dall’attuale livello fisso di $2.000 a $40.000, che sarebbe tra i più alti al mondo.

Yoon ha anche suggerito di voler ridurre la burocrazia per garantire che la Corea del Sud possa ospitare un numero maggiore di progetti del settore delle criptovalute. Il governo punta a startup che valgono più di $1 milione di dollari.

La campagna elettorale è stata a detta di molti “guastata da accuse di corruzione e diffamazione”. Tra le altre frasi controverse, Yoon ha affermato anche che le femministe sono responsabili del basso tasso di natalità del paese.

Vi terremo sempre aggiornati su come si evolverà la situazione.