Rari esempi di come una banconota possa in pochissimo tempo arrivare a valere tantissimi soldi. I dettagli.

Banconote delle vecchia moneta di riferimento, parliamo chiaramente della lira, che si fondono alla perfezione con quelle della nuova, ovviamente l’euro. Ci troviamo di fronte, in alcuni casi a rare eccezioni di quello che è di fatto il patrimonio di un determinato paese. Situazioni spesso al limite, nell’incrocio tra dettagli e valutazioni, che fanno in modo che proprio quell’oggetto, proprio quel taglio in quel preciso momento possa arrivare a valere cosi tanti soldi. Magia, passione, tante cose tutte insieme.

adobe

Nell’immaginario di un popolo, dei cittadini insomma di un determinato paese non possono non figurare le banconote o le monete, perchè no, che hanno accompagnato per una vita intera proprio quelle persone lungo il loro percorso quotidiano. Parliamo di soldi, certo, parliamo di qualcosa di estremamente materiale, ma è anche vero che facciamo riferimento ad elementi quotidiani che in qualche modo possono essere legati a noi sin dall’infanzia. Si pensi ai primi ricordi, alla comprensione di essi, alle prime operazioni condotte in autonomia, da bambini, piccole commissioni domestiche.

In questa fase proveremo ad evidenziare quelli che sono gli esemplari tra le banconote della nuova e vecchia moneta che più di tutti hanno in qualche modo condito l’opinione pubblica, la pubblica memoria. Di conseguenza, quasi sempre questi pezzi, questi esemplari sono gli stessi che riescono quotidianamente a primeggiare nel mercato dei collezionisti. Parliamo quindi di veri e propri piccoli tesori che mandano letteralmente in estasi i collezionisti di tutto il mondo, pronti a tutto, ma davvero a tutto pur di accaparrarseli.

Banconote, i tesori della vecchia e nuova moneta: i pezzi più pregiati cercati dai collezionisti di tutto il mondo

1000 lire Verdi
Adobe

Banconote che hanno caratterizzato le nostre vite insomma, si diceva. Banconote che dietro l’impatto emotivo che riescono ad avere sui cittadini nascondono anche qualcosa di molto più pratico, materiale. Esemplari per certi versi unici entrati negli annali dei collezionisti di tutto il mondo. Tra gli esemplari che forse più di tutti vanno a stuzzicare la fantasia dei collezionisti troviamo senza alcun dubbio quello forse più bizzarro degli ultimi tempi. Una banconota da 50 euro, con il classico filo interno, quello che insomma determina la validità o meno dell’esemplare, appartenente però alla banconota da 100 euro. Un incredibile errore quindi, che oggi sul mercato dei collezionisti può arrivare a valere anche 350 euro.

Altro esempio molto particolare riguarda poi l’esemplare da 50mila lire con la scritta in rosso su entrambe le facciate “specimen”, che identifica le banconote campione che però hanno licenza di circolare liberamente. Esemplari quindi assolutamente unici e rarissimi da ritrovare anche nel mercato dei collezionisti. Fondamentali chiaramente in questi casi le condizioni di conservazione, fattore determinante per quello che è di fatto il valore finale dell’esemplare in questione. Nel caso specifico della banconota con il marchio di pezzo campione parliamo di migliaia di euro di valore quindi, per una banconota di certo da ricordare.

Possiamo citare inoltre tra le banconote più preziose di lire ed euro quella a 5 euro con il numero di serie palindromo, valore stimato circa 100 euro. Oppure la famosissima, entriamo qui nel campo delle monete, 500 lire d’argento degli anni cinquanta. Le caravelle con la vela controvento ed anche li valutazione di migliaia di euro. Le vecchie mille lire, tra Giuseppe Verdi e Marco Polo. Con la serie giusta e le giuste annate possono arrivare a valere anche 100 euro al pezzo. Parliamo insomma di pezzi di estremo valore che nella loro varietà riescono quasi sempre ad esprimere un potenziale più che alto.

Monete he hanno fatto la storia, banconote che hanno scritto pagine di memoria oltre che di storia. Pezzi unici oggi più che mai rincorsi ai collezionisti di tutto il mondo. L’emozione insomma della passione.