Il Bid-Ask Spread, insieme allo slippage, ci consente di analizzare il mercato in modo più efficiente, aiutandoci ad essere trade migliori: ecco come.

Molto spesso si sente parlare dello slippage, ma non è il solo indicatore che si utilizza per analizzare i dati del book degli ordini. Il Bid-Ask spread lavora insieme allo slippage per fornire informazioni indispensabili.

Cosa vuol dire bid ask long short trading

I dati su prezzo, volume e volatilità sono i più frequentemente utilizzati dai trader e analisti per studiare e prevedere i movimenti del mercato. Dopo aver visto cosa sia lo slippage e come funzioni, dobbiamo soffermarci sull’antro indicatore principale sulla liquidità del mercato. Il Bid-Ask Spread.

I dati del libro degli ordini (detto order-book) comprendono l’offerta e la domanda sottostanti di un asset sotto forma di offerte e richieste, che alla fine vengono eseguite come operazioni. Questi dati forniscono uno sguardo “dall’interno ” della microstruttura di un mercato, fornendo approfondimenti unici non immediatamente chiari dai dati commerciali.

Il Bid-Ask Spread

Il Bid-Ask Spread è la differenza tra il prezzo più alto che un acquirente è disposto a pagare per un bene e il prezzo più basso che un venditore è disposto ad accettare. Questi prezzi si riflettono come offerte e domande su un libro degli ordini, inseriti dai market maker come ordini limite. I price taker inseriranno ordini di mercato per l’acquisto o la vendita di un asset e, così facendo, accettano la migliore offerta o la migliore domanda determinata dal market maker.

Lo spread viene calcolato prendendo la differenza tra la migliore offerta e la migliore domanda sul portafoglio ordini di un asset in un determinato momento.

Il Bid-Ask Spread in definitiva serve come misura per la domanda e l’offerta di un bene. Quando lo spread si allarga, ciò indica che c’è un cambiamento nella domanda e nell’offerta di un asset poiché i market maker regolano la migliore offerta o la migliore domanda che sono disposti ad accettare.

Il Bid-Ask Spread e le sue relazioni

Nei mercati tradizionali, lo spread è l’indicatore più utilizzato della liquidità di un mercato.

In genere, minore è il Bid-Ask Spread o Spread, più liquido è il mercato. Gli ampi spread indicano che la liquidità è più debole per un asset e che sarà più difficile scambiare l’attività a prezzi stabili.e

Quindi, come sono correlati gli spread e la liquidità complessiva di un mercato? Questa relazione nasce dall’interazione tra market maker, price taker (effettuare ordini di mercato per acquistare e vendere un’attività) e la profondità di mercato di un portafoglio ordini (la quantità di offerte e domande su un portafoglio ordini a diversi livelli di prezzo).

Il Bid-Ask Spread e la profondità di mercato

La profondità del mercato e lo spread hanno una stretta relazione per un importante motivo. Quando ci sono molte offerte e domande poste a livelli di prezzo profondi per un asset, ciò indica che un mercato è liquido perché il portafoglio ordini può assorbire facilmente ordini di mercato più grandi con modifiche minime al prezzo di un bene.

Pertanto, gli spread tendono a ridursi man mano che i market maker reagiscono all’elevata quantità di ordini che rende le loro posizioni più stabili.

Quando la profondità del mercato è debole, gli ordini di mercato di grandi dimensioni possono spingere più facilmente il prezzo dell’attività verso il basso (o verso l’alto) “mangiando” il portafoglio ordini, il che sconvolge le posizioni dei market maker. Gli spread tendono ad allargarsi per tenere conto dell’aumento del rischio.

Lo Spread e il rischio

Pertanto, il Bid-Ask Spread può anche essere interpretato come un riflesso del rischio percepito dai market maker, che può aumentare o diminuire in base alla profondità e alla liquidità del mercato.

Durante la volatilità dei prezzi, gli spread in genere si allargano poiché i market maker coprono le loro posizioni per evitare di essere intrappolati in un’oscillazione sfavorevole dei prezzi. In questi casi, lo spread riflette la percezione del market maker del rischio legato alla volatilità dei prezzi. Se gli spread rimangono ampi dopo un periodo di volatilità, ciò potrebbe indicare che i market maker prevedono una continua volatilità dei prezzi.

In questo primo articolo abbiamo visto cosa sia il Bid-Ask Spread. Nel prossimo vedremo lo vedremo più nel dettaglio, con tutti i suoi elementi, le sue relazioni col mercato e con dei facili esempi.