Il wash-trading è una pratica molto diffusa nel mondo della speculazione sui mercati finanziare e, se non si sta attenti, i danni possono essere ingenti.

Come abbiamo più volte ripetuto, fare trading, per i piccoli operatori, significa giocare una partita a scacchi contro i market makers, ossia coloro che possono muovere il mercato con le loro azioni. Parliamo quindi di coloro a cui dobbiamo stare attenti quando decidiamo di operare, in quanto sono quasi sempre la nostra controparte, i nostri avversari, nella grande partita del trading finanziario.

Market maker manipolazione mercato criptovalute bitcoin

I market makers sono quindi gli operatori che muovono i maggiori capitali e, chiaramente, utilizzano varie tecniche e stratagemmi per sfruttare al massimo questo loro enorme vantaggio competitivo sui mercati. Il cosiddetto wash trading è una di queste e, per certi versi, rappresenta una delle strategie più utilizzate e pericolose per i piccoli investitori, che troppo spesso cadono in questa trappola.

Tutte queste strategie, neanche a dirlo, vanno proprio a danno degli operatori più piccoli, che non dispongono di capitali sufficienti a giocare ad armi pari.

I bot di trading prendono il controllo delle blockchain: l’esempio di Solana

Cos’è il Wash Trading?

Il Wash trading è un processo mediante il quale un trader acquista e vende un titolo con lo scopo esplicito di fornire informazioni fuorvianti al mercato. In alcune situazioni, le operazioni wash, o di lavaggio, vengono eseguite da un trader e un broker che sono in collusione tra loro. Altre volte sono messe in atto da investitori che agiscono sia come acquirenti che come venditori del titolo.

In alcuni casi, il wash trading è un tentativo diretto di manipolazione del mercato. In altri, il wash trading può derivare dalla mancanza di conoscenza degli investitori. Questo può essere il caso delle vendite wash, in cui un investitore vende uno strumento finanziario e lo sostituisce immediatamente con uno simile.

I wash trade possono avvenire con le azioni, ma possono verificarsi anche con il trading di criptovalute. È importante capire le implicazioni di fare un’operazione di lavaggio e come appare in azione.

Il wash trading è illegale ai sensi della legge statunitense e l’IRS impedisce ai contribuenti di detrarre dal reddito imponibile le perdite risultanti da esso.

Wash Trading e Trading ad Alta Frequenza

Il wash trading è tornato alla ribalta nel 2013, proprio mentre si stava diffondendo il fenomeno dell’high frequency trading. Il trading ad alta frequenza è la pratica di utilizzare computer super veloci e connessioni Internet ad alta velocità per eseguire fino a decine di migliaia di operazioni al secondo.

A partire dal 2012, l’allora commissario della Commodity Futures Trading Commission, Bart Chilton, ha annunciato la sua intenzione di indagare sull’industria del commercio ad alta frequenza per violazioni delle leggi sul wash trading, dato quanto sarebbe facile per le aziende con questa tecnologia di attuarlo volando sotto i radar.

Come comprare Bitcoin e criptovalute in modo anonimo: la guida completa

Wash trading e Criptovalute

È stato anche scoperto che il wash trading svolge un ruolo nel trading negli scambi di criptovalute. Secondo una ricerca del Blockchain Transparency Institute, oltre l’80% delle prime 25 coppie di scambi di bitcoin negli scambi di criptovaluta nel 2018 sono state scambiate con il lavaggio.

Anche le criptovalute possono essere un obiettivo delle attività di wash trading. Nel caso del token EOS, si sospettava che i wash trade fossero usati come mezzo per aumentare l’interesse degli investitori intorno alla criptovaluta durante la sua offerta iniziale.

In quel caso, 21 account hanno contribuito a “pompare” la raccolta fondi EOS multimiliardaria, si parla di 4,4 miliardi di dollari durante l’ICO del 2018. Diventando quindi la ICO più grande di tutti i tempi.

wash trading nella pratica
(Credits: https://marketbusinessnews.com/)

La regolamentazione per le criptovalute

La Securities and Exchange Commission (SEC) continua a interessarsi sempre più alle criptovalute e alle offerte iniziali di monete(ICO). Sebbene non siano ancora asset regolamentati, a un certo punto potrebbero cadere sotto l’ombrello della SEC.

Allo stesso modo, l’IRS non estende ancora le regole di wash trading a Bitcoin o altre valute digitali. Ciò potrebbe cambiare, tuttavia, se le criptovalute diventassero soggette a una maggiore regolamentazione a livello federale.

Nel frattempo, gli investitori in criptovalute potrebbero voler dare una seconda occhiata alle operazioni per determinare se potrebbero violare le regole del wash trading.

Come funziona il wash trading

Le operazioni di “lavaggio” possono essere utilizzate come una forma di manipolazione del mercato. Gli investitori possono acquistare e vendere gli stessi titoli nel tentativo di influenzare i prezzi o l’attività di negoziazione. L’obiettivo potrebbe essere quello di stimolare l’attività di acquisto per aumentare i prezzi o incoraggiare la vendita per abbassare i prezzi.

Investitori e broker potrebbero collaborare per influenzare il volume degli scambi, di solito a vantaggio finanziario di entrambe le parti. Il broker, ad esempio, può trarre vantaggio dalla raccolta di commissioni da altri investitori che desiderano acquistare un’azione destinata al wash trading. L’investitore, d’altra parte, può realizzare guadagni dalla vendita di titoli attraverso la manipolazione dei prezzi.

Transazioni e anonime e non tracciabili: cosa sono le privacy coins

Un esempio di wash trading nella pratica

Cerchiamo di capire meglio con un semplice esempio di wash trading. Supponiamo che un investitore attivamente coinvolto nel day trading possieda 100 azioni di ABC e le venda con una perdita di 5.000$ il 1° settembre. Il 5 settembre acquisti 100 azioni della stessa azione, quindi le rivendo per un guadagno di 10.000$.

Questo potrebbe essere considerato un’operazione di lavaggio se l’investitore intraprende l’attività di negoziazione con l’intento di manipolare il mercato o di richiedere ingiustamente una detrazione fiscale per la perdita.

A livello superficiale, un wash trade si ha quando un investitore compra o vende azioni dello stesso titolo allo stesso tempo. Ma la definizione di wash trade fa un ulteriore passo avanti e tiene conto del suo intento. Ci sono generalmente due condizioni che devono essere soddisfatte affinché esista un commercio di lavaggio:

L’intento

L’intento delle parti coinvolte in un’operazione wash (ovvero il broker o l’investitore) deve essere che almeno un individuo coinvolto nella transazione abbia stipulato tale operazione specificamente a tale scopo.

Il risultato

Il risultato della transazione deve essere un’operazione wash, il che significa che gli investitori hanno acquistato e venduto la stessa attività contemporaneamente o in un arco di tempo relativamente breve per conti che sono di proprietà della stessa persona fisica o giuridica.

Come rilevare ed evitare il Wash Trading

Il modo più semplice per evitare il wash trading come investitore è essere consapevoli di ciò che costituisce un wash trade. Ancora una volta, questo può significare l’intenzione di manipolare i mercati piazzando operazioni simili in un breve lasso di tempo, oppure può significare eseguire inavvertitamente una vendita wash perché non hai familiarità con le regole.

In quest’ultimo caso, puoi evitare il wash trading tenendo conto dei titoli che stai acquistando e vendendo e del lasso di tempo in cui tali transazioni vengono completate. Quindi vendere azioni ABC in perdita, quindi acquistarle di nuovo 10 giorni dopo per venderle con un profitto costituirebbe probabilmente una vendita wash, se si esegue lo scambio nel tentativo di essere in grado di detrarre la perdita iniziale.

È anche importante ricordare e  capire come funziona il periodo di 30 giorni per la tempistica delle vendite di lavaggio. La regola dei 30 giorni si estende ai 30 giorni precedenti la vendita e ai 30 giorni dopo la vendita. Per non avere problemi , aspetta 61 giorni per sostituire le attività che hai venduto nel tuo portafoglio e sarai al sicuro.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Potreste quindi aver paura di aver commesso delle operazioni di wash senza saperlo. D’ora in poi saprete come evitarle!