Coinlist, famosa piattaforma dove vengono lanciati nuovi token e progetti legati a criptovalute, blockchain e web3. Project Galaxy, con il suo token GAL, è il nuovissimo progetto pronto al lancio sulla piattaforma.

Il modello di business e i piani aziendali di Project Galaxy, riguardano la costruzione di prodotti e soluzioni innovative in ambito Web 3. Lo scopo è quello di risolvere alcune importanti criticità attuali, proponendo nuove strategie e soluzioni.

Questo nuovo Galaxy Token potrà contare su una fornitura iniziale pari a 10.000.000 GAL, sarà disponibile dal 17 febbraio e il suo prezzo è già stato fissato a 1,50 dollari. Secondo quanto dichiarato dall’azienda stessa le registrazioni in vista delle vendite scadranno il 15 febbraio.

La missione di tutto il Project Galaxy sta nel dare una mano agli sviluppatori Web 3 ad utilizzare credenziali digitali e NFT per costruire una comunità migliore e duratura nel tempo, ed è per questo che il progetto si basa su un’infrastruttura aperta e collaborativa“.

Come comprare Bitcoin e criptovalute in modo anonimo: la guida completa

$GAL: il nuovo Galaxy Token

L’azienda ha specificato che questo tipo di infrastrutture serviranno agli sviluppatori per creare i dati delle credenziali dei loro prodotti, compresi gli Application Modules, Credential API, e Credential Oracle Engine. Questi ultimi due serviranno inoltre a migliorare i casi d’uso personalizzati come il credit scoring o creare algoritmi contro i ransomware.

Questi moduli serviranno quindi per i Galaxy OATs (On-chain Achievement Tokens), programmi di fedeltà NFT, campagne di growth hacking, gated community e governance personalizzata. Tutto questo grazie al token GAL.

Il token può essere utile, ad esempio, per quanto riguarda la gestione delle governance poiché in quel caso il token verrà usato per il voto, mentre la governance in Project Galaxy DAO.

Per i possessori del token sarà facile tenere sotto controllo i fondi detenuti dalla Project Galaxy Community Treasury, visto che hanno modo di controllare sempre l’importo della tassa di piattaforma raccolta dal protocollo.

I Curatori potranno così settare il valore di un set di dati di credenziali nel token GAL, il quale includerà le entrate che saranno poi ripartite tra i vari Curatori delle credenziali. Quest’ultimi potranno anche comprare set di credenziali dalla bonding curve corrispondente e, a causa della natura stessa della bonding curve, all’abbassarsi del prezzo corrisponderà un flusso di entrate più alto.