Google, il colosso dell’economia digitale, si affaccia al mondo delle criptovalute per provare a conquistare anche quel mercato e alloca i primi grandi investimenti.

Google pay pagamenti crypto bitcoin

Google non vuole rimanere indietro nella corsa al nuovo oro digitale e prepara il suo asso nella manica. Questo è ciò che ha fatto Google quando ha deciso di assumere Arnold Goldberg, uno dei dirigenti di maggior successo di PayPal.

L’azione del colosso di Mountain View nasconde un obiettivo ben preciso: realizzare una vera rivoluzione nell’attuale sistema di pagamento. La tecnologia blockchain dietro alle criptovalute sembra la chiave della svolta nella compagnia.

Le nuove funzionalità di google: pagamenti in criptovaluta

Quindi Google intende svelare una serie di funzionalità nuove e innovative, incluso l’accettazione di pagamenti in criptovaluta. Questa è una notizia entusiasmante per le persone che imparano come acquistare criptovaluta e fare investimenti intelligenti.

È ormai certo che Google Pay consentirà ai clienti di gestire la criptovaluta nei prossimi anni. Questa è un’ottima notizia per le persone che investono in valute digitali.

Il rinnovato interesse per le criptovalute

Secondo le ultime speculazioni di Bloomberg, l’azienda di Mountain View ha già iniziato a lavorare per ottenere l’accesso al mondo delle criptovalute. La nomina di Arnold Goldberg a capo della divisione pagamenti rappresenta un primo significativo passo in questa direzione. Una rivoluzione interna a tutti gli effetti, che ha portato a molte scoperte.

L’assunzione di Goldberg è stata approvata da Alphabet, la holding di Google. Bill Ready, il presidente della divisione commerciale e pagamenti di Google, ha recentemente rilasciato alcune dichiarazioni molto interessanti.

Inoltre, ha affermato il desiderio di Big G di includere la criptovaluta in questa nuova proposta. Le osservazioni, sempre fornite a Bloomberg, mostrano la disponibilità di Google a soddisfare le aspettative di clienti e commercianti, nonché il progresso della tecnologia e delle soluzioni di pagamento.

Non solo, ma Ready ha spiegato come Google lavorerà allo sviluppo di un vero e proprio portafoglio digitale, che conterrà tutto ciò che è importante per i clienti. Ci saranno valute digitali, biglietti, abbonamenti, Green Pass e molto altro.

Sfiorato l’infarto: piccolo minatore riceve $540.000 di ricompensa, cosa è successo

Google parte in ritardo, ma vuole recuperare terreno

Sembra che ora sia chiara l’intenzione di Google, se i tempi non si allargano troppo, di supportare valute digitali come Cardano, Ethereum e Bitcoin, legalizzate per la prima volta al mondo in El Salvador.

A giugno, Big G ha annunciato una collaborazione con Coinbase per consentire a tutti i clienti dell’exchange di pagare beni e servizi utilizzando Google Pay utilizzando le loro carte Coinbase. Quindi non sorprende che Google voglia sfruttare appieno questa straordinaria opportunità ed entrare nel mercato delle criptovalute.

In realtà si tratta di una notizia tanto attesa per una decisione che non poteva essere rimandata. Sebbene sia vero che Google tradizionalmente si è tenuto alla larga dalle criptovalute, il suo CEO, Tim Cook, ha rivelato in numerose interviste di aver investito sia in Bitcoin che in altre valute digitali.