Il presidente della Federal Reserve Jerome Powell ha assicurato al Congresso che il tanto atteso rapporto della Fed sulle criptovalute uscirà “tra poche settimane”. 

Powell fed rapporto cripto bitcoin

Powell durante un’audizione, davanti alla commissione bancaria del senato, l’11 gennaio. Ha annunciato le tempistiche necessarie alla revisione e alla pubblicazione del rapporto tanto atteso. Molto anche grazie al senatore Mike Crapo (R-ID), ha fatto ingenti pressioni su Powell per il rapporto tanto atteso, che il presidente della Fed aveva affermato precedentemente, e che sarebbe arrivato a breve.  

Il Rapporto: 

“Il rapporto è veramente pronto a partire e mi aspetto che lo lasceranno passare – odio ripeterlo – nelle prossime settimane”, ha risposto Powell. Tuttavia, tale relazione potrebbe non fornire agli interessati tutte le risposte che cercano. Powell ha spiegato: “Sarà più una prova per porre domande e cercare risposte dal pubblico”.  

Il rapporto dovrebbe concentrarsi sulla prospettiva di una possibile valuta digitale della banca centrale o di un dollaro digitale. Il potenziale per la Fed di digitalizzare il dollaro è stato un argomento di grande interesse per l’industria delle criptovalute e per coloro che sono molto interessati al futuro della politica monetaria. 

Ciò include sette membri del Congresso che hanno scritto a Powell alla fine di settembre. A novembre, il presidente Biden ha rinominato Powell per un altro mandato come presidente della Fed.  

Powell, per essere un repubblicano, ha una reputazione di stabilità, che ha reso la sua rinomina abbastanza controversa, nonostante diversi senatori democratici che gli hanno fatto pressioni per espandere il lavoro della Fed. Sulle disparità razziali e sui cambiamenti climatici, che i repubblicani e lo stesso Powell generalmente considerano al di fuori del mandato della Fed.  

Diversi colleghi di Powell nel board della Fed hanno annunciato l’uscita dal board, tra cui Randy Quarles , Chris Waller e, proprio ieri, Richard Clarida , che è diventato un parafulmine per le polemiche sulle rivelazioni di aver acquistato azioni subito prima degli annunci del quantitative easing esteso dalla Fed all’inizio del 2020. 

ì