Novita per Bitcoin: il Kenya si prospetta come il paese africano con la più alta probabilità di introdurre le criptomonete come valuta di scambio.

Nonostante l’Africa abbia la possibilità di offrire solo al 43% della sua popolazione un accesso ai servizi bancari, Marius Reitz, il direttore generale di Luno in Africa, ha previsto un aumento significativo riguardo l’adozione delle criptomonete nel paese africano. A sostegno di queste affermazioni, Reitz sottolinea la posizione del Kenya come leader nei volumi di scambio peer-to-peer (P2P) del mondo per il secondo anno consecutivo.

Il futuro per bitcoin è il Kenya

Secondo quanto previsto da Marius Reitz, il Kenya è destinato a guidare il mercato mondiale delle criptovalute peer to peer per il secondo anno consecutivo, grazie anche alla predisposizione e alla familiarità del popolo del Kenya a soluzioni di pagamento di tipo digitale grazie ad un espansione in continuo aumento del mercato delle criptovalute in tutta la parte orientale dell’Africa.

“L’industria crittografica del paese è in piena espansione con un gruppo sempre più folto di aziende emergenti che costruiscono soluzioni basate sulla blockchain e considerando la sua giovane popolazione, l’alto tasso di connettività mobile e la familiarità con le soluzioni di pagamento digitale come il denaro mobile, è saldamente posizionato per emergere come il principale hub crittografico dell’Africa orientale nel 2022, spiega Reitz nel rapporto.

Bitcoin.com News ha precedentemente riportato l’impennata dei volumi di criptovalute peer to peer del Kenya, che ha visto superare il Sudafrica diventando così il paese con il secondo più alto volume P2P in Africa.

Crypto: un nuovo modo di intendere il denaro

Oltre a prevedere che il Kenya continuerà a dominare il mercato delle criptovalute P2P, Reitz spiega anche le continue difficoltà affrontate dalle aziende africane che desiderano accedere alla valuta estera dai mercati. Reitz prevede che tali aziende con sede in Africa saranno costrette a “guardare alle criptovalute come un mezzo alternativo per gestire le transazioni transfrontaliere“.

Nonostante la grande impennata interna al paese, Reitz avverte che il problema principale nell’introduzione tout court delle criptomonete come valuta di pagamento sia nell’ambito legislativo:

“Simile alla maggior parte degli aspetti dell’industria delle criptovalute, il progresso in questo settore dipenderà fortemente da un clima normativo favorevole e se questo dovesse materializzarsi, le criptovalute potrebbero emergere come una risorsa importante per le aziende con operazioni estese in tutta l’Africa.”

Nonostante questi e altri potenziali ostacoli, Reitz ha ancora ribadito la sua convinzione che l’Africa è in una posizione migliore per adottare le criptovalute rispetto ad altri continenti

ì