Le liquidazioni totali degli exchange hanno toccato numeri preoccupanti per i trader di tutto il mondo. Scopriamo cosa è successo

marketcap crollo bitcoin
Il crollo dela capitalizzazione del mercato cripto negli ultimi giorni (Credits: Tradingview.com)

Il trend ribassista iniziato a novembre dello scorso anno sembra non essersi ancora arrestato. Dopo l’imponente down nelle liquidazioni totali di tutti i mercati centralizzati (quindi DeFi esclusa) dello scorso 4 dicembre, che ammontava a ben 1,60 miliardi di dollari, lo scorso 5 gennaio il mercato crypto si è svegliato con un altro down trend che stavolta ha sfiorato il miliardo di dollari.

La maggior parte di queste liquidazioni sono arrivate ovviamente dalle grandi monete: Ethereum e Bitcoin in testa. In particolare il volume di liquidazioni di Ethereum dovrebbe fare riflettere, ben 95,70 milioni di dollari al momento della stesura di questo pezzo; il che denota di una leva finanziaria molto forte che con queste operazioni è stata cancellata.

Il destino di Bitcoin

Per quanto riguarda Bitcoin, ci troviamo di fronte ad una caduta vertiginosa delle resistenze raggiunte nel corso dello scorso anno, riuscendo a toccare addirittura i $42.000, per poi risalire lentamente a valori più “normali”. Questo down trend non sembra prossimo ad un arresto nel breve termine e interesserà probabilmente tutto il primo trimestre dell’anno e, forse, anche oltre.

Ma non è ancora il momento di fasciarsi il capo, siamo solo all’inizio del mese e siamo già stati abituati a funambolici cambi di rotta da parte delle crypto in brevissimo tempo. È molto probabile che assisteremo ad una serie di bull e bear run che si avvicenderanno fino a che Bitcoin non troverà la sua strada per raggiungere i tanto agognati 100.000. Si spera.

ì